Ci voleva forse Chuck Norris

Oggi mi sono ritrovato tra le mani l’ultimo foglio della "Pravda" dell’opposizione destinato solo ad alcune vie del nostro paese (il Verbo viene centellinato, ma il Sindaco non è risparmiato! Pure la rima, che poeta…).

Mi sono trovato tra le mani un testo di demagogia populistica condita da una retorica pelosa che non ha commenti.

Partiamo dal protagonista: io. Sono sempre più onorato e imbarazzato per così tanta attenzione. Tornano sul discorso rotonde Esselunga già ampiamente dibattuto su questo blog non da ultimo nel mio intervento del 19 dicembre scorso che potete andare a riprendervi qui. Escludendo quindi la cronaca (che potete cliccare e leggervi da soli), veniamo alla pratica.

Sono lieto innanzitutto di condividere il turbamento dei sogni degli ex amministratori insieme al mio amico, l’Avvocato Pierluigi Gilli, che a differenza degli autori di questo scritto ha governato per ben due volte la sua città. In una cosa si differenzia l’Avvocato Gilli dagli autori del volantino: lui non ha governato cinque anni per poi essere mandato a casa con una bocciatura solenne. E soprattutto non ha perso nonostante i più autorevoli pronostici e 7, 8, 9 partiti che appoggiavano una candidatura "di esperienza decennale".

Passi però per Gilli che è il cattivo, l’uomo che ha "eretto un muro" laddove c’era una strada millenaria (MILLENARIA!). Ma non riesco a capire cosa c’entri il Commissario attualmente in carica a Saronno che è quanto di più imparziale possa esserci a governare un paese. A meno che non vadano più bene nemmeno i Commissari mandati dalla Prefettura…

Ravviso anche due errori gravi nel testo dei rancorosi oppositori. Il primo che io mi sarei irritato per la presa di posizione di un fantomatico "Comitato". Innanzitutto capisco che loro sono molto avvezzi ai Comitati inutili, ma questo non era un Comitato, semmai un simpatico e cortese cittadino che ha fatto un giro per le case raccogliendo firme per perorare una causa. In seconda battuta non mi sono irritato per nulla, poichè lo stesso giorno che ho parlato al Signor Massoli ho scritto al Commissario di Saronno. Ho volutamente specificato poi al Signor Massoli che le istituzioni hanno dialogato e si sono attivate. Certo non sempre si possono ottenere sempre i risultati sperati. Figurarsi se mi irrito io!

Il secondo errore è la mia "ossequiosità agli enti superiori". Ma Saronno è un Ente superiore??? E da quando??? Non è un Comune e quindi un Ente Locale uguale al nostro??? A questa stregua noi saremmo Ente superiore a Origgio perchè ha meno abitanti di noi??? Il mio amico Luca Panzeri è avvisato; qui qualcuno partirà alla conquista della Muschiona aprendosi il varco dalla "strada millenaria" della "Strappina"…

Infine un’ultima considerazione che faccio dal primo giorno in cui abbiamo parlato di questa cosa: l’operazione viene fatta completamente su territorio di Saronno, da un operatore privato in collaborazione con il Comune di Saronno. Uboldo non c’entra nulla. L’idea della statalizzazione delle aree non passa nemmeno 21 anni dopo la caduta del Muro di Berlino! E dire che anche in Russia ormai si sono ricreduti…

Dopo aver invocato "attentati alla democrazia", dopo che i nostri strenui oppositori hanno ormai preso atto che l’unico modo per parlare è quello di intervistarsi da soli (tipo Marzullo: "si faccia una domanda e sia dia una risposta"), ora siamo ai racconti ai limiti della realtà. E siamo solo a 7 mesi dalla debacle elettorale. Chissà cosa ci aspetta ancora!!!

Mi piace fare anche un’ultima considerazione: leggo che avrei dovuto fare la "voce grossa". La voce grossa??? Ma dove siamo??? Al bar??? Magari avremmo dovuto far finire la cosa a cazzotti o a revolverate come nel Far West…forse ci voleva Chuck Norris…"Ehi gringo, voglio la rotonda!"…

Su, coraggio, siamo seri!

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0