Ma mi faccia il piacere

In un Consiglio Comunale qualche tempo fa dissi ai membri di opposizione, in risposta a una mozione, qualcosa che suonava così: “so che poi farete i manifesti dicendo che la nostra Amministrazione fa le cose contro i cittadini” e infatti è stato così.

Fin troppo prevedibili. Giustamente poi la gente si informa, chiede, e quindi mi corre l’obbligo di puntualizzare un manifestone apparso sulle “bacheche” in questi giorni. Noi di Uboldo al Centro per ora abbiamo preferito non adottare la linea di questa politica urlata, ma una vera politica di risposta ai bisogni. E i risultati parlano finora da soli: il grande successo di Pedemontana (click qui), il grande lavoro svolto dai Servizi Sociali sul fronte di agevolazione nei confronti delle famiglie, una vera e concreta politica ambientale (click qui), un po’ più di ordine e concretezza nell’urbanistica con la partenza anche dei lavori sul PGT. Insomma, ci diamo da fare…

Puntualizzo però alcuni aspetti che alcuni cittadini mi hanno chiesto di spiegare.

1. Assegnare agli studenti di prima media un buono per l’acquisto di tutti i libri di testo. – Bocciata

Risposta: impossibile per motivi di bilancio innanzitutto. In seconda battuta poco educativo, perchè un’Amministrazione deve sostenere le famiglie, non regalare le cose. Inoltre, per le famiglie che hanno esigenze particolari i percorsi di sostegno sono ampiamente tracciati dal nostro Assessorato alla Famiglia e alle Politiche Sociali. Anche questa, come vedremo poi in seguito, è un’idea suggerita a chi amministra adesso ma mai concretizzata dagli stessi attuali proponenti mentre governavano per cinque anni. 

2. Salvaguardare il principio di un paese a misura d’uomo, come previsto nel PGT 2007. – Bocciata

Evitando ogni sorta di commento sul PGT 2007 (le più di 200 osservazioni parlano già da sole) riteniamo assurdo che ci sia qualcuno che si arroghi il diritto di proclamare la salvaguardia di un principio che invece è salvaguardato dalla nostra Amministrazione come ritengo ancora oggi sarebbe stato salvaguardato dalle altre 3 liste in corsa l’anno scorso che nel loro programma inserirono una revisione del PGT. Siamo alle solite: gli altri sono tutti cattivoni!

3. Istituire il Difensore Civico per la tutela dei cittadini – Bocciata

Il Difensore Civico è già istituito nel nostro Statuto Comunale. Quindi non serve istituirlo. Semmai nominarlo. Ma dato che Brunetta ha eliminato recentemente questa figura (il Difensore Civico è un dipendente pubblico a tutti gli effetti, e quindi con i costi di un dipendente pubblico) sembra quanto mai inutile. Quel che sembra incredibile è che questa cosa venga proposta da chi ha governato per cinque anni il nostro paese e che non ha mai ritenuto opportuno nominare il Difensore Civico. Un esempio concreto di quanto non servisse questa figura la potete trovare proprio in questi giorni sul sito www.uboldo.it

4. Istituire una commissione di supporto/controllo sulla nuova Società s.r.l. comunale - Bocciata

A cosa serve una cosa del genere quando la società ha già un CdA e i Revisori dei Conti (più le varie verifiche dello Stato)? Soprattutto in un momento come quello attuale dove a queste società il ministro ha dato un ulteriore giro di vite (negli stessi provvedimenti che eliminano il Difensore Civico). Come al solito si vuol far passare l’idea che ci sia qualcuno che ha il “vestito sporco” e qualcuno con il vestitino bianco della prima comunione, è lindo e senza macchia. Oltre che paladino dei cittadini.

Come diceva Totò: “ma mi faccia il piacere”…

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0