Ambiente e Sussidiarietà

Giusto nella giornata di ieri è avvenuto l’intervento nei pressi della cappella del Lazzaretto di rimozione di alcune piante. Vista una telefonata di un amico ricevuta in serata per sapere il motivo e vista anche la curiosità che questo intervento sicuramente farà scaturire (possibilmente senza volantini…), ho pensato di chiedere al mio Assessore all’Ambiente, Matteo Pizzi, di illustrare questo intervento.

Tengo a far presente solo che questo intervento si aggiunge al fatto di essere stati i primi ad intervenire per dare un’illuminazione costante a tutta la zona, nell’ambito di una sistemazione complessiva della pubblica illuminazione che ha dato dopo quasi dieci anni la luce agli abitanti di Via Giani Natale (PL11) e al rifacimento della pubblica illuminazione in Piazza Conciliazione (cioè dove c’è la Chiesa).

Di seguito il contributo. A voi la lettura.

Lorenzo

AMBIENTE E SUSSIDIARIETA’ – di Matteo Pizzi, Assessore all’Ambiente del Comune di Uboldo

Come alcuni di voi avranno avuto la possibilità di notare, in questi giorni sono partiti presso l’area della cappella del Lazzaretto alcuni lavori molto importanti: la nostra Pro Civ sta effettuando delle operazioni di pulizia delle sponde e dell’alveo del Fontanile di S. Giacomo (la cosiddetta roggia) nonché una sistemazione di tutta l’area adiacente al Lazzaretto.

Questo intervento si è reso necessario, dopo aver effettuato un sopralluogo tecnico, per questioni di sicurezza : molti alberi erano infatti ammalorati, arrivati a “fine vita” e, pertanto, con pericoli di crolli improvvisi. Si trattava per la maggior parte di robinie, essenze non autoctone che, seppur tagliate ma non controllate, crescono in modo quasi infestante. Completavano il quadro un’intricata e impenetrabile rete di sottoboschi di rovi.

E’ stato quindi deciso, di concerto con l’Amministrazione Comunale, una sistemazione generale di tutta l’area del Lazzarett, con la Pro Civ e con un’iniziativa più unica che rara nel suo genere: la contrada del Lazzarett si è offerta per dare una mano alla sistemazione dell’area verde situata nella propria contrada. In questo encomiabile esempio di sussidiarietà, i cittadini tutti si fanno parte attiva offrendo niente meno che una propria opera di volontariato, per rimettere a posto un’area di tutti, per restituirla più bella a tutta la comunità.

Infatti i lavori a cui state assistendo sono il primo passo per una sistemazione generale dell’area che prevede la piantumazione di nuove essenze, che l’Amministrazione Comunale ha richiesto in forma gratuita all’ERSAF e la limitazione degli accessi ai veicoli per consentire la fruizione in modo pedonale o in bicicletta, per creare una zona verde urbana all’interno della nostra cittadina.

Il taglio degli alberi si è reso necessario, come si è detto, per questioni di sicurezza: per cui stiamo sostituendo questi alberi con essenze come querce e frassini, più autoctone delle robine. Ovviamente queste nuove essenze saranno più piccole, ma cresceranno e nel tempo andranno a ricostituire una zona tranquilla, dove poter passare del tempo in tranquillità, godendo del verde del Lazzaretto e del blu della roggia. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi! Intanto, se vorrete dare una mano anche voi ai contradaioli del Lazzarett a rimettere a posto un pezzetto del nostro bel comune, sarete i ben accetti!

Scrivi commento

Commenti: 0