Sarò Greve (...come Mourinho)/9

Anche nel 2012 mi tocca, per la gioia del mio amico Teo, essere greve. Pensavo di no, eppure sono stato obbligato. Obbligato da una forza politica che ormai dopo aver scimmiottato malamente il nome e il colore (pensando che i cittadini con una mano di arancione e inserendo nel nome “Civica” si scordino u’passat…) pensa di poter prendere in giro i cittadinia suon di manifesti e accuse infondate e completamente fuori dalla realtà.

 

Passi il manifesto sull’escavazione (dimenticandosi però di dire che il Comune ha acquisito gratuitamente un’area di 5.000 mq grazie a questa Amministrazione…) ma la polemica montata ad arte sul Cimitero per gettare discredito, confusione e preoccupazione nei cittadini è inaccettabile.

 

Inaccettabile innanzitutto dal pulpito da cui viene la predica: ma come, gente che scrive per ogni minima idiozia al Prefetto esposti da “asilo Mariuccia”, gente così ligia alla legge, gente che si attiene in maniera così ferrea al diritto si è dimenticata quando governava (dal 2002 al 2007) di applicare quello che la Regione chiedeva cioè l’introduzione di un Piano Regolatore Cimiteriale (anno 2001) e poi l’applicazione del nuovo regolamento votato nel 2004 e pubblicato nel febbraio 2005 dalla Regione?

 

La verità è che questa Amministrazione sul capitolo Cimitero si è trovata una situazione disastrosa: tariffe completamente fuori parametro (ferme da quasi 20 anni), archivio storico inesistente, contratti mai firmati, mancanza di controllo e programmazione totale. Ma come, vien da dire, gente così attenta alla causa pubblica, gente che faceva fare perizie e cause su opere di valore strategico regionale, si è dimenticata di gestire, controllare e organizzare un qualcosa di così importante come il cimitero che tocca, purtroppo, tutte le famiglie di Uboldo? Ma da che pulpito viene la predica? Ma è questa la coerenza???

 

Ne sto sentendo tante, forse troppe. Ho già chiesto al mio assessore ai lavori pubblici di preparare uno strumento che spieghi concretamente cosa cambia e cosa succederà con l’adeguamento (nel 2011) a regole vecchie di 10 anni che in altri Comuni sono già vigenti e operanti da più di due lustri. Per ora vi basti sapere che fino al 2024 sostanzialmente non cambierà nulla nella gestione vera e propria delle tombe solo che le concessioni (mai considerate, controllate e gestite) verranno da adesso in poi monitorate e quindi chi ha tombe molto molto vecchie verrà raggiunto da una comunicazione chiedendo cosa ne vorrà fare, mentre per le concessioni scadute verrà chiesto il rinnovo.

 

Inoltre, continua il progetto di sistemazione generale del Cimitero con lo studio di fattibilità del project financing che tanto bene ha fatto in Comuni anche della nostra zona. Non sono e non saranno lesi i diritti di nessuno ma verrà semplicemente applicata la normativa vigente a livello regionale e nazionale in un quadro comunque molto preoccupante e comune a molte amministrazioni di spazi mancanti per il prossimo futuro.

 

Dare dignità al Cimitero crediamo debba essere una priorità: lentamente ma con incisività questo lavoro lo stiamo portando avanti e, credo, nel 2012 e nel 2013 vedremo concretamente i frutti del lavoro svolto in maniera egregia dall’Assessore Chieregato, da Dario Iraga, Responsabile Tecnico dei Lavori Pubblici e da tutto il suo staff di lavoro.

 

Certo, governare significa decidere, cosa che questa amministrazione fa. E forse a qualcuno può dare fastidio. Ma quando si lavora per il bene comune si preferisce fare meno prediche e più fatti concreti. D’altronde la Palestra, l’area Lazzarett, i lavori al Palazzo Crivelli e molto altro sono lì da vedere.

 

Ah Teo, poi c’è la sobrietà, dove adesso addirittura ragazzetti che hanno accumulato forse giorni zero di lavoro vengono a pontificare sul lavoro…non loro, ma degli altri! Ma su questo torneremo a breve. Ad essere grevi.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0