Sarò Greve (...come Mourinho)/11

Anche questa volta mi tocca essere greve. 

 

Terremoto. Sono col cuore vicino alle popolazioni colpite da questa tremenda e immane tragedia. Davanti a questi veri e grossi problemi mi sembra ridicolo leggere, sui giornali e sui social network, gente che invoca la sospensione della parata del 2 giugno o del Family Day che si terrà a Milano tra qualche giorno. Questo è il segno della vomitevole deriva populistica generata da quel popolo disinformato che si ”indigna”. Ma come si fa a non capire che 3 milioni di euro (se poi è quello) non è il costo che sostiene il Vaticano nei confronti dell’Italia? 3 milioni è la spesa generale (ormai per lo più sicuramente spesa) per tutta l’organizzazione. Faccio degli esempi: si pensi solo alle bottigliette dell’acqua (che saranno già in loco), agli allestimenti (che saranno quasi pronti), al materiale già preparato e già pagato, al personale pagato per garantire la sicurezza. Per capire queste cose non serve essere Einstein: basta aver organizzato un Palio o una 24ore. 

 

Oggi ho anche letto che viene inneggiato il governo del giugno 1976, quello che annullò la parata del 2 giugno per il contestuale terremoto del Friuli. Senza saperlo, la maggioranza di queste persone che “si indigna”, non sa che inneggia proprio a quel partito che loro vedono come il fumo di Satana: la Democrazia Cristiana. Ma lo sapevamo che prima o poi, alla fine, “si muore tutti democristiani”.

 

Infine il pietoso volantino diffuso dalla Corazzata Potemkin (fu Uboldo Civica, fu CSU, fu…). Quella non è un movimento politico, è una brutta copia di tanti originali ben riusciti. Il simbolo col colore arancione (notoriamente usato da Uboldo al Centro), e la parola “Civica” perchè Loro sono la Vera Lista Civica (con le maiuscole, come quando si parla di Gesù). Adesso copiano pure il metodo Berlusconi: ripetere all’infinito le cose per convincere le persone. Solo che loro scrivono falsità e bugie già ampiamente smascherate.

 

Il cimitero?

PrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzatoPrivatizzato. (E allora scrivano la stessa cosa della mensa dei bambini, del verde, dei rifiuti, della pubblicità…)

 

L’indennità? SelasonoalzataSelasonoalzataSelasonoalzataSelasonoalzataSelasonoalzataSelasonoalzataSelasonoalzata (quando abbiamo già diffusamente spiegato che non è così)

 

Lo svincolo?

ColpadiGuzzettiColpadiGuzzettiColpadiGuzzettiColpadiGuzzettiColpadiGuzzettiColpadiGuzzetti (e non come ampiamente spiegato in un Consiglio Comunale a causa delle loro scelte scellerate!)

 

Le tasse?

TuttacolpadiGuzzettiTuttacolpadiGuzzettiTuttacolpadiGuzzettiTuttacolpadiGuzzettiTuttacolpadiGuzzetti (Non loro che hanno manifestatamente ammesso all’ultimo Consiglio Comunale: “sì, quando abbiamo finito noi di amminstrare la tassa rifiuti non copriva 80.000 (ottantamila) euro del costo effettivo del servizio.”)

 

All’ultimo Consiglio Comunale nel delirio di fesserie che dobbiamo sorbirci ogni volta sono riusciti a dire che “questa Amministrazione estingue i mutui perchè ve lo suggeriamo noi!”. Loro! Avete capito? Quelli che i mutui li hanno fatti vengono a “suggerirci” a noi di estinguere i mutui!!!!!! E noi, secondo loro, ovviamente obbediamo. Ci vorrebbe Beppe Grillo e un suo V-Day per questi qua. Citerò l’ispiratore di questa rubrica: questa è “prostituzione intellettuale”.

 

Adesso si mettono pure a farci la predica sull’educazione. Peccato che i tapinelli si dimentichino che proprio una delle loro discepole, a poche ore dall’avvenuta elezione del nuovo sindaco nel 2009, lo insultava pubblicamente su un noto social network con un epiteto poco simpatico (nello specifico: “merda”). Solo la bontà d’animo del sottoscritto e le scuse chieste in lacrime dalla maleducata in questione (già maggiorenne…) si evitò una causa di risarcimento danni per un elenco di reati che non sto a specificare. Oltre che, ovviamente, per danno morale e di immagine. Ecco quindi chi sono questi pretini e queste suorine col ditino puntato. Ecco chi sono questi baronetti dell’educazione.

 

Si sono dimenticati però una cosa: il Sindaco in Consiglio Comunale ha anche detto una volta che questa Amministrazione “si fa un culo così per questa comunità”. Peccato se lo siano dimenticati. Anzi, non l’avranno capito perchè loro non se lo sono mai fatto e i risultati, infatti, parlano per loro. E disgraziatamente per Uboldo.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0