1 milione di investimento per il camposanto

Sabato mattina un buon numero di cittadini ha preso parte all’assemblea pubblica legata al cimitero comunale, al com’è e come sarà nel prossimo futuro.

E’ stato un momento importante perchè abbiamo potuto chiarire che le tante chiacchiere da bar e le tante idiozie costruite ad arte per fare polemica e creare confusione (vedi indennità, svincolo, Pedemontana ecc. ecc. ecc.) non hanno alcun fondamento.

In sostanza poco o nulla è cambiato con il nuovo regolamento rispetto a prima. La verità di fondo è che questa amministrazione si è ritrovata con un grosso problema trascinato per anni e, come sempre, lo ha dovuto risolvere. Risolvere questo problema ha generato la necessità di adeguarsi alle norme subentrate nel corso del tempo che non risalgono propriamente all’altro ieri: il DPR n.285 solo del 1990 (vi ricordate le “Notti Magiche” di Gianna Nannini?), una legge regionale del 2003 e un regolamento regionale del 2004. Non proprio due giorni fa. Inoltre abbiamo ereditato una situazione particolarmente grave sotto il punto di vista dei contratti e di tutta la logistica del cimitero: basti pensare che fino a 3 mesi fa il nostro Comune non sapeva quante e quali persone riposavano al camposanto.

Così il cambiamento più evidente oggi è quello dell’introduzione del vestibolo, obbligata dall’art.16 comma 4 del Regolamento Regionale, che renderà dal febbraio 2025 tutte le vecchie tombe non dotate del vestibolo inutilizzabili. Questo sempre per gli effetti del Regolamento Regionale del 2004 a cui tutti i Comuni dovranno adeguarsi.

Un’altra spiegazione l’abbiamo data circa l’ampliamento del cimitero che ad oggi è preferibile evitare per due ragioni: l’area in cui era previsto l’ampliamento è stata destinata all’acquedotto dai nostri predecessori e quindi l’ha resa inutilizzabile. Ampliare il cimitero nella Piazza degli Alpini significherebbe andare a distruggere un’opera del 2002, costata ai nostri cittadini 1 miliardo e 600 milioni e per la quale è attivo un mutuo che andrà fino al 2025. Insomma, una bazzecola.

La vera innovazione è nel futuro. A breve, dopo il passaggio in Consiglio Comunale, avvieremo il Project Financing sul cimitero che prevede un investimento da parte di chi vincerà il bando di più di 1 milione di euro di opere da realizzare nel 2013. Il project durerà 15 anni e vedrà messi a gara anche tutte le tariffe appena approvate dal nostro Consiglio Comunale che saranno quindi riviste al ribasso facendo così trarre beneficio ai nostri cittadini. In attesa di definire gli ultimi dettagli saranno previsti i seguenti interventi:

- rifacimento coperture e manutenzione straordinaria dell’ingresso in Via per Origgio, della Cappella Centrale, della Camera Mortuaria, del locale custode e dei bagni (che come ho definito sabato oggi sono dei “cessi”), scale monumeto dei caduti (in stato attuale di fatiscenza) e pavimentazione di parte dei vialetti.

- 330 loculi e 120 ossari (costo stimato: 600.000 €).

- 184 posti di tombe a terra con vestibolo comune

Ai nostri cittadini riserviamo inoltre una possibilità per ottenere tutte le informazioni specifiche o per analizzare il proprio stato di fatto con le concessioni potete prendere appuntamento presso l’Ufficio Segreteria telefonando allo 02/96992210 oppure scrivendo a segreteria@comune.uboldo.va.it

Quindi questa Amministrazione in 3 anni genera 11 milioni di euro di investimenti sul nostro territorio. Che, al cambio della lira, sono 22 miliardi di lire. Noi facciamo i fatti. Il resto lo lasciamo agli altri.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0