Grasso che NON cola

Sono rimasto stucchevolmente deluso ieri sera sentir rispondere il  procuratore in aspettativa e candidato PD Piero Grasso incalzato sulla proposta di "restituzione dell'IMU" snocciolare articoli del codice penale per una (da lui) presunta infrazione alle regole da parte di Berlusconi. 

Questa oggi è la politica del PD e del centrosinistra italiano. Un modo di far politica squallido e deprimente. Alla politica si dovrebbe rispondere con la politica, non con gli articoli del codice penale.

Grasso, quasi come una persecuzione, me lo ritrovo oggi sul quotidiano "Italia Oggi" dove in un virgolettato da un convegno di ieri gli vengono attribuite queste parole riguardo alle norme anti-corruzione: "Solamente i corrotti e i corruttori non vogliono queste norme." 

Il disegno è quindi chiaro. Grasso, e così tutta l'allegra brigata del PD, intendono la politica come un mondo diviso in due tra puri e impuri, dove i puri sono ovviamente loro e chi la pensa come loro mentre gli altri sono malfattori. Questo triste modo di fare politica è purtroppo lo stesso modo utilizzato anche dai rappresentanti di questa parte politica anche nel locale, e non solo a Uboldo.

Ecco, questo disegno ideologico di Grasso dovrebbe spaventare. Dovrebbe spaventare l'arroganza da "Dredd - La legge sono io" di queste persone, imitata in maniera penosa da alcuni protagonisti locali, incapaci assolutamente di far politica senza il codice sotto braccio. E sapete perchè? Perchè senza codice civile o codice penale questa gente non esiste...

Dall'altra parte dovrebbe dare risposte al PD del perchè Berlusconi sta recuperando consensi tanto da solleticare i palati più fini del centrodestra che sognano la rimonta.

Berlusconi sta rimontando semplicemente perchè il PD non ha una politica. Non fa politica. Non sa cosa sia la politica. Non c'è un progetto politico, non c'è un'idea, un valore, uno straccio di proposta che viene da Bersani. E' questo il motivo per il quale una boiata pazzesca come quella di Berlusconi sull'IMU viene considerata dagli italiani. Almeno è una proposta. 

Invece il PD manda in televisione gente che alle proposte politiche risponde con gli articoli del codice penale secondo lui infranti! Ma vi rendete conto???? Questi non parlano agli italiani, ma a loro stessi! D'altronde Bersani l'aveva detto: "prima vinciamo poi vediamo i contenuti."

Il PD è una scatola vuota, dove "l'Italia giusta" tanto sbandierata sui manifesti è l'Italia della magistratura, delle procure, degli avvisi di garanzia, dello Stato che decide chi è buono e chi è cattivo.

Un'Italia che non è giusta, ma che è solo e semplicemente triste.

Ma è questa l'Italia che vogliamo? Io, sinceramente, mi son già risposto.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 7
  • #1

    Matteo Pizzi (giovedì, 07 febbraio 2013 09:54)

    Stamattina a radio24 ho sentito parlare Giannino. Sembra il solo che abbia proposte sensate di riduzione della spesa, abbassamento delle tasse e ridistribuzione della pressione fiscale. Il programma Monti sembra la lista dei sogni di Bruxelles. Dal PD non ho sentito uno straccio di idea: il programma l'ho scoperto sul loro sito internet. Cito solo (e poi mi fermo), dal secondo punto di programma, dal titolo: "Democrazia": "Dobbiamo sconfiggere l’ideologia della fine della politica e delle virtù prodigiose di un uomo solo al comando" (alla faccia! che programma!). Da Berlusconi solo sparate allettanti ma qualcuno ha già detto cosa sono: un tentativo di corruzione degli Italiani con i soldi degli Italiani. Non è stato presentato un modo sensato di copertura economica. D'altronde è cominciato tutto con l'abolizione dell'ICI sulla prima casa, e i comuni hanno cominciato a soffrire. Grillo fa lo "tzunami tour", manco fosse una rockstar. Stante questo panorama, sono molto incerto su chi votare.

  • #2

    A proposito di giudici e giustizia (giovedì, 07 febbraio 2013 14:03)

    Segnalo l'iniziativa di Don Colmegna http://www.famigliacristiana.it/volontariato/news_3/articolo/don-colmegna-e-il-digiuno-solidale.aspx
    che dimostra quanto sia giusta e inflessibile (con i deboli, si intende) la giustizia italiana.
    Sarà interessante vedere se lo stesso trattamento sarà riservato a Mussari & Co.
    MT

  • #3

    CL no grazie! (giovedì, 07 febbraio 2013 19:28)

    Chissà se in Italia avremo mai la possibilità di avere una sana concorrenza tra aziende e persone senza il solito zampino di destra, di sinistra o di CL che impongono i propri candidati!
    In particolare, come cittadino cristiano faccio molta ma molta fatica a credere che CL sia una setta (non in senso negativo del termine ma solo perchè vivono in un mondo loro che vogliono imporre a tutti) all'interno della Chiesa e non una semplice organizzazione di ... malaffare. Gli esempi sono molteplici si passa da gente priva della minima esperienza in posti di comando (es. l'ultimo orario di trenord) a persone senza alcun intresse per la comunitá a parte il proprio portafoglio.
    Sono un utopista.

  • #4

    Lorenzo Guzzetti (giovedì, 07 febbraio 2013 19:45)

    Mah...abbiamo visioni diverse. Non capisco il mischione che fa con destra, sinistra, CL, concorrenza e candidati.
    Non capisco come un movimento all'interno della Chiesa possa essere considerata un'associazione a delinquere.
    Non capisco CL cosa possa avere a che fare con l'ultimo orario di trenord.
    E dato che non capisco mi taccio.
    Lorenzo

  • #5

    Angelo (venerdì, 08 febbraio 2013 16:54)

    Caro Lorenzo,
    incredibilmente sotto elezioni , quando aumentano i messaggi e cresce la confusione, si trova più gente disposta a generalizzare quando invece sarebbe più utile distinguere. Perchè confondere? perchè non distinguere? perchè buttare tutto nel calderone? Di una persona e quindi anche di un politico è giusto dire cosa ha fatto oggettivamente di buono e quanto di male. Se il peggior assassino dice che la vita è un valore, dice una cosa vera o una cosa falsa? E lui dopo averla detta gli viene cancellata la colpa di essere stato assasino o gli rimane?
    Ciao,
    Angelo.

  • #6

    CL no grazie! (sabato, 09 febbraio 2013 15:09)

    Da semplice cittadino non schierato capisco che per te l'etica non esiste, un qualsiasi politico può dire tutto e il contrario di tutto, promettere cose che mai potrà mantenere e questa è la risposta che ti sei dato. In Italia ci siamo dati delle regole e chi non le rispetta, almeno in un paese civile, dovrebbe pagarne le conseguenze, ma purtroppo i giudici sono tutti comunisti che perseguitano l'onesto politico Berlusconi. Come fiaba va bene, ma poi c'è anche la realtá e spero che anche chi è schierato come i Ciellini "cattolici?" nel PDL prima o poi accettino di vivere in un mondo dove c'è gente che lavora e suda per avere almeno da mangiare. Trenord è l'esempio della mancanza di concorrenza e rappresenta lo sbocco professionale per chi si proclama ciellino. L'utente diventa un "paziente" e sopporta in santa pace l'incapacitá del raccomandato.
    L'utopia è avere un mondo dove il politico lavori per la comunitá e sottomesso alla legge. È voler troppo o anche questo concetto rappresenta il vuoto espresso dai partiti in opposizione a CL?

  • #7

    Lorenzo Guzzetti (sabato, 09 febbraio 2013 18:42)

    Sorrido al pensiero che uno mi bolli come uno per cui "l'etica non esiste". Soprattutto uno che si rende anonimo, quindi che di etico non ha già nulla.
    Per quanto riguarda il resto credo che sia lo sfogo di un frustrato che nel suo anonimato non riesce nemmeno a mettere in fila un pensiero che sia lineare e tutto comprensibile. Cosa c'entra Trenord col PDL? A qualcuno risulta che per lavorare in Trenord occorra essere ciellino?
    Poi sul politico "sottomesso alla legge"...qui siamo alla follia pura. E quindi mi ritaccio.
    Lorenzo