Sarò Greve (...come Mourinho)/18 - Fotografia di un fallimento

Leggo dalle pagine di settimanali e quotidiani che, per l'ennesima volta, dei miei colleghi esprimono opinioni su di me senza prima leggere, informarsi o documentarsi.

Se qualche tempo fa fu il mio collega di Saronno a fare un "brutto scivolone", la sorte oggi tocca al collega di Caronno Pertusella che è caduto nella trappola del "titolo sul giornale".

E' vero, martedì "La Prealpina" ha pubblicato un titolo che diceva: "Uboldo attacca Caronno" ma bastava fare la fatica di leggere (di leggere, dico, nemmeno sudare...) o l'articolo o il mio discorso pubblicato su questo stesso sito per capire che non avevo proprio attaccato nessuno.  

Sarò quindi greve (e breve) andando per punti:

a) io non ho attaccato Caronno, come si evince chiaramente dal mio scritto;

b) io ho detto semplicemente che "Non troppo lontano da Uboldo sentiamo parlare di testamento biologico, di legiferare e dare dei confini umani al “fine vita”: ecco, noi questa mattina siamo qui a dire che ogni Vita che nasce è Vita dal concepimento fino alla sua conclusione naturale."

Dove io abbia parlato di coppie di fatto o di adozioni gay lo sanno solo loro. Mi sembra di aver raccontato semplicemente dei fatti: due amministrazioni a noi contermine hanno deliberato sulla tematica del "fine vita".

Non è vero o non fa comodo ricordarlo? 

c) io faccio politica, non vendo salumi, non riparo macchine, non monto mobili. Faccio politica. E quindi cerco di sostenere le mie idee. Non "demonizzo" nessuno. Dire che io "manco di rispetto" a qualcuno semplicemente perchè ho espresso una mia opinione equivale a non sapere cosa è la politica. Ma di questo non mi stupisco. 

 

Addirittura uno scudiere del collega ha scomodato Voltaire con la solita, noiosa e ipocrita frase della "libertà di opinione".  

La mia sarebbe ideologia o demonizzazione?

Non è forse più ideologico occuparsi di "fine vita" in un Consiglio Comunale piuttosto di tutti i problemi che hanno oggi i nostri cittadini e le nostre comunità?

D'altronde non mi stupisco: davanti alla drammatica situazione economica italiana, Bersani è il genio che mette negli otto punti urgenti per l'Italia le leggi per i "matrimoni gay" e il "conflitto d'interessi".  

Sappiano i cittadini che pagano le tasse, che lavorano, che fanno fatica a tirare la fine del mese che queste sono le priorità di questi politici. Le priorità della sinistra italiana. 

La fotografia di un fallimento.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 7
  • #1

    Simona Colombo (venerdì, 19 aprile 2013 16:12)

    Lei insulta la mia fede. Io credo che non si possa stabilire quando morire. Tutte queste macchine che ci allontanano dal Volere di Dio Padre. QUando mi chiamerà a sè io andrò. Credo nella durata naturale nella vita e non in un accanimento terapeutico.

  • #2

    Lorenzo Guzzetti (venerdì, 19 aprile 2013 17:33)

    In questi giorni mi sto rendendo conto che forse non riesco a spiegarmi.In tanti ambiti.
    Eppure mi sembra di essere così chiaro.
    Non ho capito dove legge solo una cosa contraria a quello che lei scrive.
    Inizio ad avere il sospetto che io mi spiego benissimo ma la gente non vuole capire proprio.
    Lorenzo

  • #3

    Gax (venerdì, 19 aprile 2013 22:15)

    Questi signori così chic, così gauche, se-dicenti cristiani, che hanno fatto per mesi campagna fianco a fianco a chi propone matrimoni contro natura e chiusi alla vita, oppure soluzioni eutaNAZI (sto citando il servo di Dio Jerome Lejeune) dove sono adesso? Questi nostri se-dicenti fratelli nella fede, che sbandierano il vessillo di associazioni e movimenti "di progresso" e che si vedono affossare in serie un sindacalista democristiano e un (deprecabile) ex presidente IRI comunque di centro (per opportunità e inerzia più che per convinzione), quale dimostrazione hanno ancora bisogno?
    Non capisco. Quanti papi dovranno ancora implorare l'unità dei cristiani?
    Grande è il Signore, eterna è la sua misericordia.
    La pazienza di noi uomini, ricordatelo, dura un po' meno.

  • #4

    Adriano Roncari (sabato, 20 aprile 2013 01:12)

    Beh, visto chi si intende oggi in Italia per "Cavaliere", mi va benissimo "scudiero"!

  • #5

    Lorenzo Guzzetti (sabato, 20 aprile 2013 04:56)

    Mi sfuggiva il suo nome.
    Se i "Cavalieri" che si intendono oggi in Italia, con l'aiuto della "scopa a 5 stelle", riescono a mandare a casa in un sol giorno Prodi, Bindi e Bersani, direi evviva i Cavalieri!
    Meglio un giorno da leone che cento da pecora.
    Il problema ormai è che da una certa parte politica...
    L.

  • #6

    Fulvio Zullo (sabato, 20 aprile 2013 15:46)

    Lei è il classico seguace del padrone (pardon Cavaliere)Berlusconi,oggi afferma delle cose, domani le smentisce. I politicanti si comportano in questa maniera,si nascondono dietro frasi che hanno conclusioni aporetiche.Il politico è ben altra cosa.Le consiglierei di aumentare la produzione di patate ad Uboldo,vista l'ncombente poverta'da Lei segnalata.Essendo io rispettoso del credo cristiano/cattolico,aspetto la mia fine "quando vuole Dio", non quando vuole l'uomo che cerca di prolungare la mia fine, opponendosi alla volonta' di Dio, con pratiche innaturali.Posso tacciarLA di maleducazione(Silvio docet), quando Lei si intromette in scelte, fatte da altre Amministrazioni,democraticamente scelte dai cittadini.Poteva benissimo parlare di Testamento Biologico senza tirare in ballo"amministrazioni contermini".

  • #7

    Lorenzo Guzzetti (sabato, 20 aprile 2013 15:58)

    Caro Zullo, Lei evidentemente non mi conosce.
    Dare a me del "seguace" di Berlusconi è dire una cazzata dai toni epici. Mi sembra che anche lei soffre della sindrome di "pensare di dire cose intelligenti" senza leggere, documentarsi, informarsi.
    Ribadisco: io faccio politica. Quindi esprimo delle idee. Non capisco perchè tutto questo casino: io ho detto solo la mia portando ad esempio amministrazioni contermini che, nel rispetto della libertà, hanno fatte scelte molto diverse alle mie e che io non condivido.
    Perchè si ha paura ricordarlo?
    Non è "politically correct"?
    Lorenzo