Sull'acqua non fatevi fregare!

"La società Alfa Srl, nell'interesse collettivo e del bene comune riconosce che l'acqua è un bene naturale e un diritto umano universale e indispensabile, che tutte le acque superficiali e sotterranee sono pubbliche e costituiscono una risorsa che è salvaguardata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà." (Art. 3 dello Statuto Società in house della Provincia di Varese per la gestione del servizio idrico)

Ieri sera in Consiglio Comunale abbiamo approvato l'adesione alla società in house A INTERO CAPITALE PUBBLICO E COSTITUITA DAI COMUNI per la gestione del servizio idrico integrato della Provincia di Varese.

Come al solito qualche fomentatore sta gettando fumo negli occhi dei cittadini al grido di "vogliono privatizzare l'acqua". E' stato il grande bluff del referendum di qualche anno fa: nessuno, oggi e domani, vuole privatizzare l'acqua.

Come potrà capire anche il lettore non è proprio così.

E l'art.3 sopra citato è lì da leggere.

Il passaggio che è stato fatto non ha nulla a che vedere con l'acqua ma con il servizio che porta l'acqua nelle vostre case, con gli acquedotti, con tutto il sistema che sta dietro e attorno all'acqua intesa come servizio. NULLA VIENE PRIVATIZZATO, TANTO MENO L'ACQUA.

Chi lo dice o lo sostiene mente sapendo di mentire.

La votazione per l'adesione, a cui ero presente lo scorso 28 febbraio, mi ha fatto vivere per qualche minuto un teatrino dell'assurdo perchè democraticamente la maggioranza dei Sindaci ha votato per l'adesione a discapito di qualche Comune che, ideologicamente, si batteva per annullare la votazione e non accettare il verdetto della democrazia (perchè "si scrive acqua e si legge democrazia" come dicono loro, ma quando si scrive democrazia e si legge democrazia non gli va bene...)

Pertanto il mio consiglio è quello di "non farvi infinocchiare" da chi ve la vuole raccontare:l'ACQUA E' E RIMANE UN BENE PUBBLICO, nessuno la privatizza. Nè ora, nè mai.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0