Il PGT x tutti/2 - La vocazione del Piano

Inizio il racconto di oggi raccomandando, per chi lo volesse, di scaricare almeno il Documento di Piano (cliccate qui), documento leggibile e comprensibile anche ai più, dentro al quale è realmente riassunto tutto il significato di questo lavoro.

 

Il Documento di Piano è il documento politico del PGT e in sole 103 paginette riassume tutti i perchè e le scelte effettuate con questo PGT.

 

Veniamo al tema di oggi, ovvero la "vocazione del Piano".

 

Quando abbiamo iniziato a lavorare al PGT avevamo davanti a noi 3 scelte importanti da effettuare:

a) riconfermare il Piano vigente;

b) invertire completamente la rotta rispetto al PGT attuale;

c) riapianificare il PGT attuale agendo in maniera integrata sul sistema urbano, infrastrutturale e dei servizi.

 

La nostra scelta è ricaduta, come si vedrà, sulla terza ipotesi e vado ora a spiegarvene i motivi (li potete trovare anche a pag. 21 del DdP).

PERCHE' NON ABBIAMO RICONFERMATO IL PIANO VIGENTE

Il perchè è presto detto, e credo che qui si riassuma in maniera molto più chiara che tante cose la differenza di politica e di strategia tra movimenti politici locali. 

L'attuale PGT ha fallito gran parte delle proprie previsioni.

Partiamo da nord, dove gli ambiti di trasformazione previsti parallelamente a Via XX Settembre non si sono realizzati (tema questo molto caro anche in sede di paventati "conflitti di interessi").

Il PGT attuale, inoltre:

  • non considerava i prossimi completamenti infrastrutturali del nostro paese tra cui lo Svincolo realizzato e la Varesina Bis;
  • non ha portato a "riempire" i buchi del tessuto urbano consolidato a causa di problemi legati alle regole;
  • non faceva reperire risorse economiche per completare i servizi;
  • non rispondeva alla necessità di sviluppo delle nostre imprese locali, tanto che ad oggi non c'erano più aree destinate al sistema produttivo e quindi, in pratica, aree destinate al lavoro.
  • ultimo, ma non ultimo, non risolveva il problema della Via IV Novembre nè decideva in maniera chiara che scelta effettuare su tale arteria molto importante per Uboldo.

PERCHE' NON ABBIAMO INVERTITO LA ROTTA DEL PGT VIGENTE

In effetti ciò che abbiamo fatto col PGT adottato non è, come invece si vorrebbe far credere, invertire completamente la pianificazione vigente.

Invertirla avrebbe significato esporsi a un grosso pericolo: squilibrare il Piano e, di conseguenza, la nostra comunità.

 

PERCHE' ABBIAMO RIPIANIFICATO IL PGT VIGENTE

Perchè in questo modo abbiamo innanzitutto confermato le attuali previsioni, integrandole con altre soluzioni tecniche e politiche che, a nostro modesto avviso, faranno funzionare meglio il PGT e, di riflesso, consentiranno negli anni futuri di realizzare la pianificazione prevista.

 

Nei prossimi giorni entreremo nel dettaglio quindi delle scelte del Piano, partendo da ciò che si è confermato fino alle nuove aree previste dall'espansione.

 

Questo è il vero tema: a differenza del PGT vigente che fa delle previsioni ma, di fatto, le rende inattuabili, quello che vogliamo noi è che queste previsioni si realizzino nei prossimi anni.

Una pianificazione che non riesce equivale a un fallimento di strategia politica e di "vision" amministrativa.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0