Sarò Greve (...come Mourinho)/21 - Pettegoli e pettegolezzi

Leggo i settimanali di oggi e voglio fare il mio consueto pensierino.

Due gli argomenti: Cimitero (ancora, che palle...) e il mio amico Andrea.

 

1. CIMITERO

Sono stanco che ai cittadini venga gettato "fumo negli occhi" e non venga detta la verità.

 

Leggo che la stampa è già al corrente del numero di persone che avrebbe firmato la petizione mentre qui in Comune nulla è ancora arrivato.

So però che alle persone anziane veniva detto che bisognava firmare "contro l'antenna delle telecomunicazioni" (argomentazione detta alla mamma di un mio assessore). E un uccellino mi ha raccontato anche chi raccoglieva le firme. Ne parleremo magari prossimamente...

 

Ho chiesto a un mio ufficio quanto avevamo incassato nel 2012 dai servizi cimiteriali dato che essi, come leggerete poi, sono ESCLUSIVAMENTE del Comune quando gestisce direttamente il Cimitero.

Mi è stato risposto: "Zero. Si arrangiava il privato."

PERCHE' si arrangiava il privato per dei servizi pubblici?

Questi SOLDI dove sono finiti?

Ma, soprattutto, questi soldi che mancano (e che quindi configurano una TRUFFA ai danni dello Stato) DOVE andavano a finire? 

 

Ho deciso quindi di chiedere ai dirigenti del nostro Comune di avviare un procedimento per capire chi sono stati i responsabili di questo "buco" fatto dal nostro Cimitero negli anni scorsi e, soprattutto, dove sono andati a finire questi soldi.

Al termine del post lascio un articolo trovato in questi giorni che dice chiaramente COSA DICE LA LEGGE riguardo a questo tema.

2. ANDREA

Sul mio amico Andrea.

Non mi sorprendo che escano pettegolezzi di questo tipo perchè è la fotografia della mediocrità della politica italiana e della nostra politica locale che essendo composta da gente che senza il simbolo del partito sarebbe nulla, si sorprende che qualcuno possa FARE qualcosa per gli altri SENZA INTERESSI.

 

La lotta alla leucemia come la Protezione Civile, la SOS come il Palio.

 

Vivendo solo di interessi questi tapini non capiscono che due persone (nella fattispecie io e Andrea) possono essere amici perchè semplicemente nella vita esiste qualcosa di così nobile come l'amicizia.

Questa gente non sa che io e lui ci conosciamo da 15 anni, da quando io ero un giovane dell'Oratorio e lui un ragazzo che giocava il giovedì sera con gli amici (qualche imbecille penserà che io nel 1998 organizzavo tornei di calcio perchè nel 2009 volevo fare il Sindaco...)

D'altronde non mi sorprendo: sempre qualche "presunto politico" pensò anche che l'Official Fan Club di Valentino Rossi di Tavullia venne pagato dal Comune per la Notte Gialla. In realtà l'Official non ha mai chiesto un soldo nè al Comune nè ad Andrea...

 

Dico solo una cosa: è un peccato che gente come Andrea non faccia politica perchè è proprio di quella gente che la politica ha bisogno.

Oggi abbiamo gente che ci governa che nemmeno sa di cosa parla ma che è messa lì da qualcuno. E questo a tutti i livelli.  

Condivido con lui una cosa: si fa molta più politica (cioè nel senso etimologico del termine: "relativo alla città") con le associazioni oggi che con quattro smandrappati dietro alla bandiera di un partito.

 

Invito i miei concittadini a fare un test: nei prossimi mesi tanti parleranno e si diranno "impegnati" e "interessati" al "bene del paese".

Chiudete gli occhi.

Pensate a quante volte avete visto nella vostra vita questi incapaci  fare qualcosa per gli altri o sporcarsi le mani.

Troverete da soli le risposte....

 

Eh già, che brutta bestia l'invidia. 

Lorenzo

IMPRESE FUNEBRI E LAVORI CIMITERIALI - per l'articolo completo clicca qui

Le disposizioni di legge vigenti [...] sanciscono inequivocabilmente la demanialità dei cimiteri.[...]

L’esecuzione di operazioni cimiteriali, pertanto spetta ESCLUSIVAMENTE al gestore del servizio cimiteriale. Trattandosi di servizio pubblico locale, questo può essere svolto in una delle forme consentite dall’articolo 113 del D.Lgs. 267/2000 (tra cui è previsto il project financing, nota di Lorenzo).

NON E' QUINDI MATERIA DI IMPRESA FUNEBRE, la quale normalmente oltre ad effettuare il trasporto funebre e la fornitura della bara, nonché di altri articoli funebri e di votivi, assume mandato dalla famiglia al fine di svolgere in nome e per conto della clientela le pratiche che altrimenti sarebbero incombenza dei congiunti del de cuius.

 

La presunta “pretesa” del Comune di imporre il proprio personale necroforo (o della ditta appaltatrice per la gestione del camposanto), a nostro avviso, almeno, TROVA IL PROPRIO FONDAMENTO anche in una consolidata giurisprudenza, ovvero nel comune orientamento dei tribunali italiani nel dirimere problemi di tale genere.

 

La suprema corte di Cassazione civile, con sentenza del 7 aprile 1999 n. 443 ha chiarito che Le attività inerenti ai servizi cimiteriali rientrano tra quelle di pertinenza della Pubblica Amministrazione e sono regolate da norme di diritto pubblico [...]

 

Per consuetudine (o…ABUSO???) o finanche per necessità, considerata la scarsa disponibilità del personale dipendente, spesso si consente ai parenti del defunto di provvedere alle operazioni cimiteriali evitando al contempo la riscossione delle relative tariffe.

Tale comportamento seppur di estrema attenzione nei confronti dei cittadini DOVREBBE QUANTO PRIMA ESSERE SUPERATO anche per evitare gravi responsabilità da parte del Comune o meglio del Sindaco, si pensi ad esempio alle conseguenze penali previste dal D.L.gs. n. 626/1994 e s.m. e i. in caso di incidente all’interno del cimitero.[...]

 

I lavori cimiteriali non attengono alle imprese funebri: Come giustamente valutato, l’impresa funebre di norma è semplicemente dotata di autorizzazione al commercio per articoli funerari (quella generica non alimentare) e di autorizzazione come agenzia d’affari ex art. 115 T.U.LL.P.S..

Qualora l’impresa fosse in possesso unicamente di dette autorizzazioni il Comune NON può ammetterla a fornire servizi che, per loro natura, configurano la necessità di IMPRESA DI SERVIZI EDILI. Pertanto solo nel caso che l’impresa di pompe funebri sia anche impresa edile (registrazione alla Camera di commercio e possesso delle previste autorizzazioni in tal caso) allora il Comune potrà legittimamente ammetterla a partecipare alla gara per l’affidamento della fornitura di servizi di che trattasi. In caso contrario si rischierebbe l’invalidazione della gara da parte di qualunque altro concorrente in possesso dei legittimi titoli.

È chiaro che è il Comune a dettare le regole di partecipazione alla gara, a nulla significando la richiesta da parte di qualunque altro soggetto.

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Zagor (venerdì, 15 novembre 2013 16:40)

    l'eco della foresta mi dice che un capo politico uboldese è stato eletto dai SOM, cosa significa SOM? acronimo o realtà descritta in maniera incompleta?

  • #2

    Isa (domenica, 17 novembre 2013 16:25)

    Andrea e l'associazione non si tocca.
    Qualunque mezzo uomo che spettegola e non conosce i fatti può anche venire da me a chiedere delucidazioni.
    Già storici amici miei hanno parlato troppo a vanvera.
    Prima informatevi. Chiedete. Chiedete al sindaco, che ne so, chiedete spiegazioni su quello che pensate sia poco chiaro e POI fatevi un'opinione. . Ma smettetela.
    Branco di superficiali.

  • #3

    MagicoVento (venerdì, 22 novembre 2013 10:34)

    http://www3.varesenews.it/gallarate_malpensa/mancata-valutazione-dello-stress-dei-dipendenti-comunali-il-sindaco-paga-la-multa-di-tasca-sua-276284.html

  • #4

    Lorenzo Guzzetti (venerdì, 22 novembre 2013 11:35)

    Pensa te...

  • #5

    virginio (sabato, 15 febbraio 2014 21:55)

    Sono perfettamente in accordo sul fatto che l'invidia è una brutta bestia.....
    Mi permetto di scrivere un mio pensiero per quanto riguarda la questione cimitero...
    Non ho nessun problema a dichiarare che io sono uno dei famosi firmatari...
    Ci tengo a dire che non sono stato raggirato, penso di essere abbastanza maturo da poter decidere in autonomia...
    La motivazione che mi ha spinto a protestare è questa: io credo si possa privatizzare tutto ma non un luogo di culto e di preghiera come il cimitero.
    Non faccio critiche sulla gestione del paese...
    Ma credo che per il NOSTRO cimitero si potevano trovare soluzioni alternative ma a gestione comunale....
    Io credo non ci siano problemi irrisolvibili....volere è potere.
    Possibile che un gestore privato riesca a fare quello che un comune non riesce a fare?
    Tutti i comuni che continuano a gestire il proprio cimitero sono tutti governati da incapaci?
    Poi ... paragonare il cimitero alla società autostradale.... proprio sta cosa non mi va giù....
    Sarebbe come se il parroco privatizzasse la Chiesa e l'Oratorio
    con tanto di biglietti per l'ingresso e speciali permessi da richiedere per l'accensione delle candele.....
    Oppure speciali permessi per giocare in oratorio a calcetto o per cantare...

    Questi sono i motivi per cui ho firmato...e le posso garantire che lo rifarei altre mille volte per una motivazione come questa perché il cimitero e di proprietà degli Uboldesi e del proprio comune e non di terzi........!!!

    cordiali saluti
    Virginio Clerici.



  • #6

    Virginio (mercoledì, 10 settembre 2014)

    Sciur Sindic buonasera,
    ho letto sui giornali locali che la questione cimitero è finalmente definitivamente risolta...
    ti faccio due complimenti:
    Il primo perché sei una persona di parola, fuori dal cimitero tempo fa mi avevi raccontato cosa intendevate fare e alla fine lo avete fatto. Come diceva sempre mio padre un uomo di parola merita rispetto ed è un esempio.
    Il secondo è per la tua squadra, non sarà stato facile ottimizzare questo progetto ma alla fine ci siete riusciti.
    Bello l'articolo che ho letto sulla Settimana, bello il fatto che alla fine siamo e sono tutti felici e contenti.
    Chiudo dicendovi questo:
    Coraggio andate avanti a tamburo battente con il vostro programma con la parola d'ordine : volere è potere...

    Complimenti ancora e buon lavoro.
    Virginio.