Buon Natale dall'AVIS

Stella di Solidarietà (nei nostri pensieri la base del nostro credo e in quelli di chi ci è vicino il suo apice di luce!)

 

 

L’idea di augurio con cui l’AVIS si presenta quest’anno agli Uboldesi – nient’affatto slegata da un sentire assai più peculiare che la lega a un viatico che sappia protrarsi sin nel nuovo anno con la tacita legge che innerva di sé la nostra Associazione, nei condivisi valori di impegno  e  solidarietà  – si sposa con franchezza all’idea dell’albero per il cui tramite quest’augurio è mutato in azione. Sancta Simplicitas! Perché santa la semplicità?

Perché essa antepone la grazia della visitazione alla lusinga dell’essere visitati e perché mira all’essenza più profonda delle cose stesse, e pertanto il nostro simbolo natalizio mostra prima il ramo nudo e poi fa sì che esso si agghindi dei suoi fiori e dei suoi doni. Il Natale, non dimentichiamolo, è nell’Avvento della greppia e di un semplice giaciglio e ad essi, alla loro povertà, anela anche la luce della stella più esemplare, la cometa.

L’augurio dell’AVIS agli Uboldesi è che ognuno di essi possa essere nudo ramo che con una mano si tende per offrire aiuto, al fine di fiorire di quel frutto che promette il sorriso e il fermo istante di letizia sul viso di chi quell’aiuto ha ricevuto. Buon Natale.

 

Il presente articolo è stato redatto da un amico vicino all’Avis testimone della complessa realizzazione della  vetrina alla Farmacia Comunale.

 

…è  Natale ogni volta che sorridi

a un fratello e gli tendi una mano...

 

 

La Comunale AVIS Uboldo augura a tutti i cittadini un sereno e felice Santo Natale

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    luigi clerici (lunedì, 09 dicembre 2013 21:21)

    Grato, anche a nome di tutti gli avisini uboldesi, per aver concesso un significativo spazio affinchè la nostra associazione abbia la visibilità necessaria per diffondere ulteriormente il gesto volontario, anonimo e gratuito qual’è il dono di sangue.
    Un sincero augurio a Lei, ed a tutti i Suoi lettori, di un sereno e felice Santo Natale.
    Luigi Clerici