Due Papi Santi

Che grande giorno è questo per l'umanità intera.

Due Padri che diventano Santi e quindi venerabili da tutta la Chiesa.

 

Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, due delle figure più importanti del XX secoli, vengono elevati agli onori degli altari. Di questo dobbiamo essere felici e il nostro cuore deve davvero essere colmo di gioia.

 

Di loro mi legano due ricordi personali che condivido.

Il primo, di Giovanni XXIII, è legato alla mia nonna.

Da piccolino era immancabile, una volta all'anno, la gita Treviglio-Sotto il Monte. A Treviglio, dalla Zia Suor Giovannina, zia di mamma, che per 50 anni è stata in India e ha fatto ospedali, scuole e ha conosciuto Madre Teresa. Subito dopo andavamo, come diceva la mia nonna, "dal Papa".

Io non sapevo nemmeno che Sotto il Monte fosse un paese, per me lì era "dal Papa". E bisognava andare perchè "oltretutto a Uboldo abbiamo dei parenti del Papa e il Don Livio andava sempre."

Nonna, quanta fede mi hai trasmesso...

Oggi, che per motivi lavorativi sono spesso a Bergamo, quando passo da Sotto il Monte mi viene in mente la mia nonna e sorridendo penso: "sono dal Papa".

Genitori, nonni, portate i vostri figli o nipoti a Sotto il Monte!

E' qui a pochi chilometri!

Il secondo ricordo molto significativo è legato a Giovanni Paolo II.

Oltre il viaggio in Polonia del 2001 c'è la sera del 2 aprile e la notte del 4 aprile 2005.

 

La sera del 2 aprile organizzammo una veglia in Chiesa.

Usciti, ci dissero che il Papa era appena morto.

Ricordo con grande commozione la Chiesa che rimase aperta, ma quello che ancora se ci ripenso mi emoziona è il numero impressionante di giovani che arrivò. Incredibile. Una cosa incredibile, anche perchè molti non erano proprio degli assidui frequentatori.

Era morto un Papa, ma soprattutto un Padre di tutti.

 

La notte del 4 aprile poi, partimmo per Roma, per l'ultimo saluto.

Oltre alla fortuna di non fare tanta coda (solo 3 ore), oltre alla fortuna di quella messa a pochi passi dal Papa defunto, ho ancora viva una fotografia nella mente.

Quando arrivammo davanti al Papa in quel momento entrarono Bush, la First Lady, il Vice Presidente e Clinton. Insomma, averli lì a pochi passi non è una cosa da tutti i giorni.

Eppure, davanti a quel corpo ormai senza vita di Giovanni Paolo II, anche gli uomini più potenti della Terra sembravano piccoli, minuscoli.

 

Che grande gioia!

Evviva, sono Santi!

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    marino (domenica, 27 aprile 2014 14:24)

    Oggi ho assistito alla cerimonia con qualche lacrima, sono stati due grandissimi PAPI, che hanno lavorato per la pace nel mondo, di PAPA GIOVANNI XXIII, mi è rimasta impressa quella frase, " Andate a casa, date una carezza ai vostri figli e dite loro che quella è la carezza del PAPA", non la scorderà mai, un ringraziamento a LORO e a DIO, che ci ha dato un PAPA, che sta portando avanti il loro testamento spirituale, la PACE NEL MONDO e tra gli uomini di buona FEDE.