Un progetto importante

Alcuni appunti di riflessione maturati nei giorni scorsi che condivido con voi e che vogliono semplicemente essere spunti tratti dalla realtà dei fatti.

 

Sono ancora il candidato sindaco più giovane e schieriamo Luca, il candidato più giovane.

Sia l'una che l'altra sono due notizie abbastanza significative.

Io, a 32 anni, mi gioco per la terza volta questa splendida possibilità che è diventare sindaco del paese che amo, la mia Uboldo.

Luca, a 21 anni, vive la sua prima esperienza di campagna elettorale ed è il segnale che vogliamo dare, insieme ad Agostino, 24 anni, che Uboldo al Centro è un progetto che va oltre il quinquennio e che prescinde dai personalismi.

I cinque anni che abbiamo davanti devono essere propedeutici per tanti giovani a cui vogliamo dare la possibilità di conoscere la Pubblica Amministrazione e avvicinarsi alla Politica.

Puntare sui giovani e fare qualcosa di loro non solo a parole, ma anche in questo caso con fatti concreti. Come a me è stata data questa opportunità, così io voglio darla a un altro ragazzo.

Questa è l'eredità più importante che vorrei lasciare a Uboldo nel 2019: regalare tra cinque anni una nuova classe dirigente che prosegua il lavoro fatto.

Il secondo pensiero è sulla SQUADRA.

Una squadra che è cresciuta, è maturata, si è cementata in quasi 10 anni di lavoro insieme ogni martedì (e Dio solo sa quante volte ha giocato il Milan e io me lo sono perso...).


In questa squadra ci teniamo che ci sia la rappresentazione di tutta la nostra comunità: uomini, donne, giovani, studenti, pensionati, impiegati, dirigenti, imprenditori, commercianti. Come nel 2007 e nel 2009 il cuore di questo progetto è la squadra.

Una squadra che in questi anni è stata tutt'altro che facile gestire nei suoi diversi caratteri (e quante discussioni sono uscite...), ma che davanti a tutti poi si è sempre mostrata compatta.

Questa è sempre stata la nostra forza e lo sarà ancora. 

 

Abbiamo puntato, ancora una volta sulle PERSONE.

Sul loro valore, sulle loro capacità, sui loro talenti, sulla loro presenza reale, effettiva e concreta sul territorio. Non parvenu improvvisati del volontariato, dell'associazionismo, ma gente che da anni con i fatti ha dimostrato di esserci. 

Ancora una volta, per questa ragione, Uboldo al Centro si presenta come Lista Civica rinunciando a qualsivoglia simbolo di partiti: come dicevamo nel 2009, LA POLTRONA NON E' LA NOSTRA POLITICA.

 

E, chiudo, proprio per questo il lettore più attento avrà notato che il nostro simbolo è ancora uguale al primo utilizzato. Nonostante qualcuno (che evidentemente non mi conosce) mi abbia tacciato di "personalismo", abbiamo puntato ancora sul valore immenso della squadra. Non c'è il mio cognome o il mio nome che ben campeggia nel simbolo, ma semplicemente il nostro simbolo.


Perchè Uboldo al Centro non è un io ma un noi!

 

"Il talento ti fa vincere una partita. L'intelligenza e il lavoro di squadra ti fanno vincere un campionato" (Michael Jordan)

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    marino (domenica, 04 maggio 2014 18:01)

    L'idea di mettere due giovani nei papabili, è traguardare oltre il 2019, in questi anni sarà formato da persone che questo dovere civico, l'hanno già fatto e sono sicuro che lo faranno ancora per altri 5 anni, l'impressione che ho avuto è certamente positiva, vedo in loro la volontà di mettersi al servizio della nostra comunità e, anche quello di rapportarsi con la stessa, Siete una magnifica squadra e per loro sarà un'occasione importante per conoscere come si amministra un comune e un'esperienza per il futuro, siete i migliori e sono sicuro che RIVINCERETE, auguri