L'Italia (e la politica) meritano di meglio

Ieri in poche ore abbiamo collezionato, grazie ai nostri presunti politici, due figure barbine. Una a Strasburgo e una a Milano.

A Strasburgo, mentre Napolitano parlava davanti al Parlamento Europeo riunito chiedendo la "fine dell'austerità" imposta dai parametri UE, i rappresentanti della Lega si sono alzati interrompendo il Presidente.

La risposta del Parlamento è stata quella dell'applauso a sommergere i poveri tapini legaioli capeggiati da Salvini (sì, quello che oltre a non andare in Parlamento usa le felpe con scritto MILANO per ricordarsi da dove viene...). Si era già preso un vergogna. Glielo ripetiamo, forse.  

A Milano, il Cardinal Scola è intervenuto al Consiglio Regionale e di tutta risposta ha visto uscire i "grillini" per preservare "la laicità dell'istituzione".

Che nel 2014 dobbiamo ancora assistere a questi tristi spettacoli è davvero stucchevole. Ma la cosa davvero imbarazzante è pensare di essere rappresentati da gente così.

Su questo non mi stupisco: Benedetto XVI nel 2006 rinunciò alla visita dell'Università di Roma per un gruppo di imbecilli invasati che non voleva il Papa in nome della "laicità".

Una vergogna senza fine. 

A Milano e a Strasburgo.

Penso che l'Italia e la nostra politica meritino molto di meglio.

Lorenzo 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Isa (mercoledì, 05 febbraio 2014 22:05)

    Io ho appena visto il video della grillina canterina con le cuffie in Senato.
    Non so, non ho parole, non mi vengono neanche le parole.
    E dai sondaggi alle Europee sarebbero il secondo partito.
    Io per quest'Italia grandi speranze, non he ho.