Sarò Greve (...come Mourinho)/23 - No, non siamo l'Amministrazione delle feste...

Anche questa volta facciamo parlare i fatti.

Ho fatto estrapolare per il 2013 tutti gli eventi, feste, momenti di aggregazione sociale organizzati nella nostra comunità evidenziando e rendendo così noto a tutti quanti soldi pubblici sono stati effettivamente spesi per questi momenti.

Così come ho fatto la stessa cosa per le manutenzioni dell'anno 2013.

Così, tanto per capire se davvero questa è "l'Amministrazione delle feste" pronto, ovviamente, a chiedere venia qualora i risultati mi avessero dato torto. E invece...


Faccio alcune considerazioni per punti.

 

1) Il dato aggregato è che il Comune spende per patrocinare alcuni (ALCUNI) eventi poco più di 10.000 euro all'anno. Il Comune ne spende però più di 300.000 all'anno per le manutenzioni...

 

2) Mi piace far notare  che le manifestazioni patrocinate con dei soldi pubblici NON SONO le Settimane di promozione che vengono organizzate dall'Amministrazione che costano ZERO ai cittadini. Anzi, voglio essere ancora più preciso: le Settimane solitamente vedono qualche assessore rimetterci dei suoi soldi per il materiale e quant'altro. 

 

3) Mi piace anche far notare come per le quattro manifestazioni che attirano più persone a Uboldo (Palio delle Contrade, SportMarathon e le due feste dei Commercianti) il Comune spenda ZERO. E sono eventi che vengono sponsorizzati senza nemmeno una massiccia campagna pubblicitaria. Molto differente rispetto a chi prova con tristi comunicati stampa autoreferenziali a vestire bene la nullità della proposta e del ritorno in termini di partecipazione.

 

Infine una considerazione di carattere squisitamente personale.

Leggendo la tabella mi sono sentito ancora una volta di più orgoglioso di essere Sindaco di questo paese.

La vivacità, la presenza, l'operosità di tante persone che si prestano gratuitamente al volontariato rendono Uboldo vivo. E ve lo dico perchè leggo tante volte i giornali e sento tanti miei colleghi sindaci che quando ci vediamo mi dicono "sei fortunato ad avere un paese così vivo". 

Ogni nome, ogni associazione, riconducono me a persone, volti, mani che lavorano attivamente per la nostra comunità e alle quali non ci saranno mai abbastanza parole per ringraziarli.

Se poi dentro ai "volontari" ci sono anche le mani mie, di Ercole e di altri amici di Uboldo al Centro questa non è una colpa.

Semmai è una colpa ricordarsi del "volontariato" una volta ogni cinque anni per metterlo dentro al programma elettorale...

 

Con quanto dimostrato ecco illustrato il perchè ho rinunciato nell'ultimo periodo a rispondere alle provocazioni dirette o indirette: a delle nullità si risponde con il nulla comunicativo.

Cioè con il silenzio. 

"Non ti curar di loro, ma guarda e passa..."

Lorenzo 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    marino (lunedì, 21 luglio 2014 11:06)

    Per persone che non hanno l'apertura mentale di organizzare, ma sopratutto di creare momenti di socializzazione per i nostri cittadini, l'unico modo di mettersi in vetrina, é quello di sputare sentenze e mettere zizzania nella popolazione, come prima delle elezioni, bisogna avere tanta pazienza, poiché per loro, é l'unica alternativa che hanno per essere visibili, non tutti intendono la politica come mezzo per aiutare in modi diversi la cittadinanza, per altri è un fatto di mera visibilità.

  • #2

    Isa (lunedì, 21 luglio 2014 14:02)

    Testimonio in pieno anche il concreto metterci a volte dei soldi propri, privati, di alcuni assessori in assoluto atto di volontariato per far fronte ad alcune esigenze.
    Se poi la gente chiedesse invece di trarre sempre conclusioni senza sapere minimamente di cosa sta parlando, sarebbe già una gran cosa.
    Questo è uno dei punti che anche in campagna elettorale mi sono trovata a discutere e spiegare più volte.
    In molti dovrebbero invece imparare da questa amministrazione.