Il recupero del Centro Storico: chi fa e chi dice di fare

Non solo imposte nell'ultimo Consiglio Comunale.

Abbiamo anche approvato gli incentivi per la riqualificazione del Centro Storico che si orientano principalmente su tre direttrici:

1. la riqualificazione energetica,

2. il recupero delle facciate,

3. l'integrazione di box all'interno della sagoma dell'edificio esistente.

 

Il centro storico è inteso l'asse che porta dalla Chiesa al Comune. Per chi interverrà su questa zona ci saranno degli incentivi in diritti edificatori che poi potranno essere messi sul mercato e quindi diventeranno un "buono" da riscuotere.

 

Abbiamo ricordato in Consiglio Comunale che il Comune NON PUO' sostituirsi al privato nel far partire gli interventi, ma può incentivarli. Quello che abbiamo fatto noi, che non vi sto a spiegare per non perdermi in troppi tecnicismi, è però una provocazione violenta del settore dell'edilizia: il Comune mette sul piatto tanti incentivi (quantificabili in più di 50.000 euro).

 

A questo punto chi ha "chiacchierato" dei suoi presunti interventi per anni, chi ha pontificato nei bar sull'ingiustizia del PGT di prima, chi ha predicato di sapere come risolvere tutti i problemi del centro storico dovrà dimostrare di avere davvero la forza e il coraggio di far ripartire l'edilizia. Perchè l'edilizia è un volano dell'economia e serve davvero che riparta soprattutto con le riqualificazioni dell'esistente. Il Comune i suoi passi li ha fatti e li ha fatti nell'unico modo possibile che ha il Comune di farli: gli atti. Ora tocca a voi.

Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0