E IL TAVOLINO DOV'E' FINITO?

Un anno fa, come di questi giorni, fuori dal Cimitero stazionava un tavolino che raccoglieva firme per una improbabile petizione per la questione Cimitero. 
A quel tavolino venivano fermati anche i nostri parenti millantando la raccolta firme per una presunta antenna delle telecomunicazioni o, oltrepassando la soglia del ridicolo, fermando il concessionario del Cimitero chiedendogli di firmare una petizione contro se stesso.
Da quella petizione ne è poi discesa una simpatica seduta in Consiglio Comunale dove, persone che sui social si nascondono dietro singolari pseudonimi, si sono palesate in tutta la loro inutile presunzione di intelligenza. Era meglio stare dietro alla tastiera. Anche esteticamente, dico. Per non parlare di altre conseguenze "colorate" che hanno reso ragione di un 2 novembre anticipato a maggio in questo anno 2014. 
Oggi quello stesso tavolino non staziona nello stesso posto per raccogliere altre firme, questa volta magari chiedendo scusa delle cattiverie, delle bugie, delle menzogne montate ad arte contro altre persone. Non staziona anche perchè chi ha suonato la grancassa delle accuse ha trovato una soluzione che gli ha consentito di non avere più le "uova d'oro" accontentandosi di quelle d'argento. Comunque una soddisfazione.


Intendo ringraziare Enrico Chieregato che da assessore ha curato questo lungo processo dal 2010 e che oggi vede il risultato di tanti sforzi insieme anche a tutti i miei compagni di viaggio che hanno sostenuto il peso di una scelta sicuramente difficile ma necessaria. Grazie a Uboldo al Centro, ai miei assessori e consiglieri, alla squadra che non ha mai mollato un centimetro sapendo che anche davanti alle proteste più vibranti e offensive noi stavamo lavorando per il BENE DELLA NOSTRA GENTE e del NOSTRO POPOLO.

Mi corre l'obbligo di ringraziare anche Dario Iraga, responsabile area Lavori Pubblici, che ha lavorato tanto e a fondo per fare in modo che la burocrazia e i chili di carta diventassero opere.
Non posso esimermi in questo pensiero dal ringraziare anche chi in questo progetto ha creduto e ci ha investito soldi suoi: il concessionario, i progettisti, gli operai, i muratori che ieri sera, per chiudere l'opera in tempo, hanno lavorato ancora fino ben oltre l'orario di chiusura del Cimitero al buio. E se lo hanno fatto è perchè abbiamo avuto la fortuna di averli sul territorio, di condividere con loro "l'uboldesità", e per questo vogliono e intendono fare bella figura anche loro. Grazie Antonio, Giuseppe e tutti i vostri collaboratori.


Abbiamo fatto scuola: la nostra scelta oggi viene ricalcata da molti Comuni che chiamano qui anche per avere tutti i documenti. E' segno di un lavoro non solo fatto, ma fatto bene. E basta leggere la cronaca locale per rendersene conto. 
La miglior risposta di un'Amministrazione Comunale sono le opere, i risultati, i fatti che sono e restano sotto gli occhi di tutti. 
Saremo arroganti, saremo sprezzanti, saremo presuntuosi, ma davanti l'ennesimo risultato raggiunto mi piace dire che ancora una volta abbiamo avuto ragione noi.

Io, personalmente, non ho mai avuto un minuto di dubbio di non averla.
Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    marino (domenica, 02 novembre 2014 18:57)

    E ancora una volta "UBOLDO al CENTRO ", ha fatto centro, un grazie a tutta l'AMMINISTRAZIONE e, a tutti coloro che hanno concorso a questo risultato, in campagna elettorale il motto era " I MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE ", questo è un primo risultato di quell'annuncio, BRAVI e avanti così

  • #2

    Virginio (martedì, 02 dicembre 2014 16:38)

    Grazie!!!!!!
    Eppure di cuore!!!!!!!