Ce stanno a coglionà?

Mi sembra di percepire che l'operazione in atto da parte di alcune minoranze sui media locali e sui social network sia quella, come direbbe un mio carissimo amico abruzzese, di "coglionare" (invito tutti a leggere su Treccani.it cosa significa...) i cittadini che non vengono direttamente in Consiglio Comunale, raccontando una realtà mistificata e completamente avulsa da ciò che è accaduto realmente. E' già accaduto in passato e ho sorvolato pensando fosse solo eccitazione da primo giorno di scuola. Visto il ripetersi di questi episodi mi sento in dovere di intervenire. D'altronde, come anche visto in campagna elettorale e riscontrato anche negli ultimi giorni in un locale pubblico, dietro lo schermo del PC sono tutti leoni (o leonesse) mentre di persona faticano a reggere il minimo confronto. Provo così a rammentare anche io qualche appunto dell'ultimo Consiglio Comunale.

GIORNALINO COMUNALE
L'assessore Mazzuccato ha spiegato che la mozione mescolava due strumenti che vivono separatamente: la prima è il Periodico di informazione comunale, la seconda è il foglio informativo che viene diffuso dal Comune.
E' molto elementare la distinzione: il primo E' un giornale politico, fatto e diretto dagli amministratori politici, che non è stato più diffuso per carenza di pubblicità e sponsor, dove per la natura politica che ricopre OSPITA tutti i punti di vista dei gruppi di maggioranza e minoranza. Punto.
L'altro è un foglio comunale di informazione semplice dove vengono diffusi avvisi alla cittadinanza e dove non è mai riscontrabile un solo commento politico tanto che anche laddove ci siano stati dei miei scritti (cfr. PGT) magari presi dal mio stesso sito essi hanno visto tagliata tutta la parte di commento politico. Basta leggere. E confrontare. 
Che il foglio comunale sia impaginato e ideato graficamente dagli amministratori a titolo completamente GRATUITO è semplicemente per far risparmiare tempo e lavoro ai dipendenti pubblici che si dedicano ad altro.
Che il foglio comunale sia distribuito a spese degli amministratori (in particolar modo di UN AMMINISTRATORE) il caro Enrico omette di dirlo. 
Eppure è stato detto anche questo. A Enrì, #cestaiacoglionà???

SICUREZZA
In questa mozione ci siamo fermati alla prima riga: quali episodi di violenza e criminalità si sono verificati negli ultimi mesi?
La risposta è stata il silenzio dell'una e il balbettìo insicuro dell'altro.
Al tentativo disperato di Colombo nell'affermare che "hanno avvelenato dei cani" la mia risposta è stata la seguente: "il cittadino in questione NON HA nemmeno sporto denuncia." Quindi di cosa stiamo parlando?
Ed equiparare il ladruncolo all'esplosione di un bancomat o alla rapina di una posta mi sembra una cosa un po' azzardata...

Alla domanda di Ercole: "Quanti sono gli episodi che voi citate?" la risposta imbarazzata e zoppicante è stata che qualche cittadino gli ha detto che sono avvenute delle cose. NESSUN NUMERO di sostegno a una mozione che aveva una perla nascosta: il gruppo di Whatsapp per il controllo del vicinato che Colombo ha provato ad argomentare dicendo che, a detta sua, 100 cittadini a Ceriano Laghetto lo stanno facendo. 
Ho fatto notare che 100 su 6.436 abitanti direi che non è un buon esempio. Come la serata sulla legalità: 60 persone (per gli organizzatori...per i presenti molti meno...) su un tema così importante dicono già tutto dell'attenzione che desta questo tema. 
Infine, dato che lo stesso Colombo ci aveva appena accusato di "stampa clandestina" per l'informativo comunale gli ho semplicemente fatto notare la facilità con cui passa dall'essere strenuo alfiere della legalità a pessimo esempio di chi, infischiandosene della tutela della privacy, va a mettere su un gruppo di whatsapp i numeri dei cittadini condivisi con altri cittadini.
La mozione è stata quindi bocciata perchè in Consiglio Comunale si viene a parlare di cose serie, non mettendo a tema il pettegolezzo del mercato del martedì mattina o i neurodeliri di qualche amico di partito. Alessà, Desirè (che ha lasciato Alessà affondarsi da solo...) #cestateacoglionà???

BILANCIO
Tralasciando il teatrino che ho visto fare dai gruppi di minoranza (due convinti, due meno convinti) noto che anche in questo caso vengono omesse informazioni importanti: la prima è che l'ultima scadenza al bilancio di previsione era stata prorogata dal Governo al 30 settembre e molti Comuni hanno sforato proprio per l'incertezza che regna sovrana anche a Roma.
La seconda è che il nostro Comune sta effettuando una sperimentazione nazionale del Ministero dell'Economia che ha cambiato completamente tutto e che quindi anche gli uffici hanno avuto dei forti rallentamenti. Questa sperimentazione ci ha fatto godere di un taglio del Patto di più di 100.000 euro che è quasi un punto di addizionale risparmiata a noi cittadini.
Ho notato però che la formula della dichiarazione di voto (che evita la discussione) ha fatto riempire la bocca a chi, da 6 mesi a questa parte, in Consiglio Comunale ha fatto solo dichiarazioni di voto sottraendosi al confronto politico. E la capisco bene: quando si è carenti di idee si è carenti anche di possibilità di confronto.

Anche sul bilancio#cestannoacoglionà???

COMMENTO FINALE
Io credo nell'importanza e nella forza della democrazia che riesce a dare voce a tutti: maggioranza, minoranze finanche alle minoranze che non rappresentano neanche il 10% dei cittadini...
Non credo però alle informazioni date parzialmente e a un tentativo di coglionare i cittadini (perchè questo è...) che diventa quasi violento nella sua manifestazione plastica sui media.
Come diceva un saggio: "Non si rassegnano a una cosa: hanno perso..."
E io aggiungo che sì, lo confermo, dopo soli 6 mesi mi mancano Tavecchia e Pirotta...il che è tutto dire. 
Lorenzo