Ecco chi è Colombo, "l'uomo del dialogo"

Leggo sui settimanali diverse dichiarazioni di Colombo su di me.
Credo che per l'ennesima volta stia provando a coglionare i cittadini. 
E vado subito al dunque.
1) innanzitutto è davvero subdola la dichiarazione che io avrei offeso i dipendenti comunali.

In Consiglio Comunale, e noto che dall'articolo a fianco anche il consigliere Saibene lo ha capito, tutti i presenti hanno ben compreso che la questione curriculum è semplicemente una "mancanza di voglia e di tempo" da parte dei consiglieri (oltretutto sistemata...non è che tutti hanno il cv sempre pronto e non mi sembra di vitale importanza per un Comune e per i cittadini sapere che lavoro fa Ercole...). Quindi mi fa dire cose che io non ho mai detto. Se poi vuole sapere ciò che penso del pubblico impiego (e quindi anche di lui), basta che provi a leggere l'ampia letteratura che ho lasciato sui miei siti in questi anni. Nulla è nascosto.


2) il signor Colombo che si traveste da Papa Buono, da uomo del dialogo, è lo stesso Colombo che gestisce una pagina Facebook (o che almeno usa il suo nome...) dove il sottoscritto e gli amici del sottoscritto vengono definiti nei peggiori modi da altre persone. Suoi seguaci, evidentemente. 
Noto che Papa Colombo I, l'uomo del dialogo, non è mai intervenuto nè a bannare queste persone nè tanto meno a cancellare certi commenti. 
Se uno qualsiasi sulla mia pagina dovesse esprimere certe opinioni su di lui, pur magari condividendone i contenuti, mi troverei nella situazione di dovergli almeno cancellare il commento se non riprenderlo in pubblico o almeno in privato. 
Papa Colombo I, l'uomo del dialogo, potrebbe evitare di farci definire "facce di merda", per esempio.

Quindi mi permetto di aggiungere solo due cose.
La prima è che ho notato che ha fatto sua la frase che ho appeso in ufficio riguardo agli idioti. Mi sovviene il motto latino: "Excusatio non petita, accusatio manifesta".
La seconda è che rafforzo il concetto della mia dichiarazione: non solo con Colombo non andrei nemmeno a farmi una passeggiata o a bere un caffè, ma la prossima volta che per godere di un po' di luce o per farsi pubblicità userà ancora il mio nome che almeno mi paghi.
Questo è Papa Colombo I, l'uomo del dialogo. 
Che la gente lo sappia. Ma mi sa che lo sapeva già a maggio.
Lorenzo

Scrivi commento

Commenti: 0