Cittadinanza e informatore

Voglio ringraziare i tanti amici e cittadini che mi hanno fatto presente che quanto accaduto a Cairate tra Sindaco e una cittadina che doveva giurare per la cittadinanza ha un precedente che è quello che vi ho raccontato qualche settimana fa attraverso i giornali.
Non mi interessa avere il primato.

Mi interessa che il messaggio sia passato.
Magari il collega manco lo sapeva o magari lo aveva letto da qualche parte eha trovato la forza e il coraggio di fare lo stesso gesto. Ma non è questo che mi interessa. Anzi, ieri sera ho avuto il piacere di chattare con lui e devo dire che è una persona davvero in gamba con la quale ci siamo subito trovati in sintonia. 
Non è razzismo, questo.
Non è voglia di esibizionismo.
E' semplicemente rispetto per lo Stato che rappresentiamo. 
E da questa cosa non retrocedo nemmeno un centimetro.
L'ho fatto una volta e non è detto che non lo rifarò una seconda, una terza e tutte le volte che il mio essere in quel momento rappresentante dello Stato non mi richiederà di intervenire in tal senso. Avvocati o no. Moralizzatori o no.

In questi giorni è diffuso nelle vostre case l'informatore di febbraio.
Come sempre trovate tante notizie. Chiedo di prestare particolare attenzione alla vicenda dei "30 mesi" per coloro che hanno i terreni sbloccati con l'ultimo PGT. 
Come già anticipato sulla stampa nelle prossime settimane inviterò anche i proprietari in Comune per un incontro di confronto tra le parti.
Non è detto che, a margine di questi incontri fatti tra politica e cittadino, faremo un incontro anche per i tecnici che operano sul nostro territorio.
Lorenzo