Ma siamo ancora umani?

Non è che all'improvviso sono diventato "grillino", "novax", contro la ricerca scientifica, contro i medici. E così, molti come me.

Continuo anzi pervicacemente a sostenere che la scienza e la ricerca scientifica siano assolutamente da ascoltare e sostenere. 

E chi in questo momento sta, come me, dicendo che quello che sta accadendo a Liverpool è assurdo non è un credulone da guardare dall'alto in basso come se fossimo un esercito di scemi che crede agli asini che volano.

 

Ieri sera a Matrix Nicola Porro ad un certo punto ha detto "togliete le immagini del bimbo".

E' vero, è una forma di rispetto, ma attenzione a quella formula subdola di silenzio che si vuole far calare attorno a questa vicenda.

Perchè fin quando non "vediamo" Alfie è sì un oggetto di discussione.

Ma quando vediamo la bocca che si muove, un respiro, anche il più intransigente sostenitore della scienza riconosce che quella è vita. 

Se aprite in questo momento il Corriere on line non trovate notizie di Alfie. Su twitter non è più una tendenza. Stanno cercando, alla chetichella, di non far più parlare di questo bimbo e della sua lotta.

Perchè se non erro, e non erro, la storia è piena di notizie non date che nascondevano i prodromi di tragedie o dittature. D'altronde, là, era solo un camino, chi avrebbe mai immaginato cosa accadeva...

E' stato un grande il giornalista di Matrix in collegamento da Liverpool che se n'è strafottuto di tutto e ad un certo punto ha interrotto tutti dicendo: "se fosse mio figlio là dentro io farei la stessa cosa". Un grande.

 

E la seconda cosa è questa.

Chi sta combattendo per far sentire la propria voce in questo momento sta solo lottando per un concetto: è disumano, DISUMANO, far morire una persona di fame e di sete. 

I nazisti facevano queste cose nei campi di sterminio.

I nazisti.

Ieri sera poi a mezza voce anche Cecchi Paone ha dovuto ammettere che il pericolo vero, in questo momento, è che al Bambin Gesù probabilmente Alfie continuerebbe a vivere perchè metterebbero in atto delle pratiche che, effettivamente, potrebbero tenerlo in vita. Pratiche a detta sua disumane, ma che vorrei vedere se lui in pericolo di vita non vorrebbe vedere applicate su lui stesso...

 

Poi, ma è un altro tema, molti come me credono, e io lo credo, che basterebbe la "carezza del Nazareno" per salvare questa vita. Ma questo è il mio credo, è la mia fede e io, come molti, non voglio imporla. Ma con altrettanta forza e vigore dico anche che nessuno ha il diritto di deridermi o di farmi passare per un credulone.

Perchè anche io so leggere e so capire che Alfie è davvero in una situazione che probabilmente lo farà morire presto, ma togliergli la nutrizione e l'idratazione è DISUMANO.

 

Nonostante tutto, questo bambino come "segno di contraddizione" ha continuato a respirare quando, a detta della scienza, doveva morire in poco tempo una volta staccato tutto.

Forse non è chiaro ma qui, chi sta sostenendo Alfie, sta sostenendo non tanto un ideologia o un credo, ma il diritto per tutti di vivere e di non fare in modo, mai, che uno Stato possa dire che per i suoi cittadini è arrivato il momento di morire perchè "futili".

Pensateci su.

Lorenzo