Nel 2012 la nostra Amministrazione ha deciso di mettere mano anche alla questione Cimitero. In stato di abbandono da anni, l'Amministrazione Comunale di Uboldo al Centro ha deciso di riprendere in mano tutto e di arrivare a delle soluzioni. Questo lavoro ha consentito innanzitutto di creare un archivio (non presente fino ad ora) delle concessioni, una revisione di quelle scadute e la decisione di procedere con un project financing per la sistemazione del Camposanto che si concretizzerà durante il 2013.

 

Cimitero: ancora dalla parte dei cittadini

Venerdì in Consiglio Comunale abbiamo approvato le modifiche al Regolamento di Polizia Mortuaria e quindi alla gestione del project financing.

Queste modifiche provengono dalla capacità politica di questa Amministrazione nel voler dare ascolto alle istanze dei cittadini sorte in questo anno e mezzo di gestione del Cimitero.

Un doveroso ringraziamento lo voglio esprimere a Enrico Chieregato, Matteo Pizzi per la parte politica, Dario Iraga per la parte tecnica e il gestore del cimitero che ha dimostrato grande sensibilità e disponibilità al dialogo per addivenire a queste modifiche.


Vado subito a dire cosa cambia in buona sostanza:

1) 120 loculi saranno messi in prevendita.

2) Abbassamento dell'età per l'acquisto di loculi affiancati. Da adesso la soglia di 70 e 75 viene unificata per maschi e femmine a 65.

3) i cittadini che hanno in questi anni dovuto sistemare i loro cari presso i loculi provvisori non pagheranno la traslazione dei loro cari nei nuovi loculi.

4) i loculi provvisori verranno smantellati per creare nuove tombe di famiglia.

5) abbiamo richiesto una manutenzione anche per i vecchi colombari che quindi verranno sistemati nei prossimi mesi.


L'ultima cosa, ma per me la più importante, sarà la realizzazione di un qualcosa che da 40 anni se ne parla e che non è mai stata fatta. Nel 1974, a pochi mesi dalla sua morte, Don Livio Tamborini scriveva al Sindaco Piazza la necessità di pensare a una sistemazione generale della Cappella Centrale con la possibilità di mettere lì tutti i Parroci presenti nel nostro cimitero. Per diverse cause, tra cui anche la scomparsa di Don Livio avvenuta il 1 aprile 1975, quella procedura non andò mai in porto.


Quarant'anni dopo riusciremo a fare questa operazione: nei prossimi mesi verrà sistemata la Cappella Centrale e lì verranno traslate le spoglie di Don Luigi Malacrida (parroco dal 1888 al 1907), Don Francesco Cristini (parroco dal 1907 al 1920), Don Giuseppe Coppi (parroco dal 1920 al 1947) e di Don Livio Tamborini (coadiutore dal 1933 al 1948 e parroco dal 1948 al 1975). All'interno della Cappella Centrale ci saranno poi anche dei posti liberi, lasciati come famedio per personalità illustri a cui la nostra comunità vorrà rendere merito negli anni futuri.


Riteniamo che questa sia il vero modo di celebrare i 40 anni dalla morte di Don Livio e, soprattutto, sia un modo necessario per rendere omaggio alla nostra storia affinchè tutti gli uboldesi che passeranno lì possano sempre ricordarsi delle personalità che hanno fatto e fatto bene per il nostro popolo.

Lorenzo

E IL TAVOLINO DOV'E' FINITO?

Un anno fa, come di questi giorni, fuori dal Cimitero stazionava un tavolino che raccoglieva firme per una improbabile petizione per la questione Cimitero. 
A quel tavolino venivano fermati anche i nostri parenti millantando la raccolta firme per una presunta antenna delle telecomunicazioni o, oltrepassando la soglia del ridicolo, fermando il concessionario del Cimitero chiedendogli di firmare una petizione contro se stesso.
Da quella petizione ne è poi discesa una simpatica seduta in Consiglio Comunale dove, persone che sui social si nascondono dietro singolari pseudonimi, si sono palesate in tutta la loro inutile presunzione di intelligenza. Era meglio stare dietro alla tastiera. Anche esteticamente, dico. Per non parlare di altre conseguenze "colorate" che hanno reso ragione di un 2 novembre anticipato a maggio in questo anno 2014. 
Oggi quello stesso tavolino non staziona nello stesso posto per raccogliere altre firme, questa volta magari chiedendo scusa delle cattiverie, delle bugie, delle menzogne montate ad arte contro altre persone. Non staziona anche perchè chi ha suonato la grancassa delle accuse ha trovato una soluzione che gli ha consentito di non avere più le "uova d'oro" accontentandosi di quelle d'argento. Comunque una soddisfazione.


Intendo ringraziare Enrico Chieregato che da assessore ha curato questo lungo processo dal 2010 e che oggi vede il risultato di tanti sforzi insieme anche a tutti i miei compagni di viaggio che hanno sostenuto il peso di una scelta sicuramente difficile ma necessaria. Grazie a Uboldo al Centro, ai miei assessori e consiglieri, alla squadra che non ha mai mollato un centimetro sapendo che anche davanti alle proteste più vibranti e offensive noi stavamo lavorando per il BENE DELLA NOSTRA GENTE e del NOSTRO POPOLO.

Mi corre l'obbligo di ringraziare anche Dario Iraga, responsabile area Lavori Pubblici, che ha lavorato tanto e a fondo per fare in modo che la burocrazia e i chili di carta diventassero opere.
Non posso esimermi in questo pensiero dal ringraziare anche chi in questo progetto ha creduto e ci ha investito soldi suoi: il concessionario, i progettisti, gli operai, i muratori che ieri sera, per chiudere l'opera in tempo, hanno lavorato ancora fino ben oltre l'orario di chiusura del Cimitero al buio. E se lo hanno fatto è perchè abbiamo avuto la fortuna di averli sul territorio, di condividere con loro "l'uboldesità", e per questo vogliono e intendono fare bella figura anche loro. Grazie Antonio, Giuseppe e tutti i vostri collaboratori.


Abbiamo fatto scuola: la nostra scelta oggi viene ricalcata da molti Comuni che chiamano qui anche per avere tutti i documenti. E' segno di un lavoro non solo fatto, ma fatto bene. E basta leggere la cronaca locale per rendersene conto. 
La miglior risposta di un'Amministrazione Comunale sono le opere, i risultati, i fatti che sono e restano sotto gli occhi di tutti. 
Saremo arroganti, saremo sprezzanti, saremo presuntuosi, ma davanti l'ennesimo risultato raggiunto mi piace dire che ancora una volta abbiamo avuto ragione noi.

Io, personalmente, non ho mai avuto un minuto di dubbio di non averla.
Lorenzo

2 Commenti

Ricevo e Pubblico...sul Cimitero

Sciur Sindic buonasera,
ho letto sui giornali locali che la questione cimitero è finalmente definitivamente risolta...
ti faccio due complimenti:
Il primo perché sei una persona di parola, fuori dal cimitero tempo fa mi avevi raccontato cosa intendevate fare e alla fine lo avete fatto. Come diceva sempre mio padre un uomo di parola merita rispetto ed è un esempio.
Il secondo è per la tua squadra, non sarà stato facile ottimizzare questo progetto ma alla fine ci siete riusciti.
Bello l'articolo che ho letto sulla Settimana, bello il fatto che alla fine siamo e sono tutti felici e contenti.
Chiudo dicendovi questo:
Coraggio andate avanti a tamburo battente con il vostro programma con la parola d'ordine : volere è potere...

Complimenti ancora e buon lavoro.
Virginio.


Voglio ringraziare il Signor Virginio per questo commento. 

Soprattutto perchè mi dice che sono "uomo di parola" e questo, oggi, con quello che vediamo nella politica, è ciò che conta di più. 

Il ringraziamento però lo devo a Enrico Chieregato che ha creduto e voluto questo progetto e Dario Iraga che ha confezionato il bando.

Inoltre a chi ha investito del suo per fare questo lavoro. 

Grazie!

Lorenzo

0 Commenti

Novità importanti per il Cimitero

Come avevamo promesso durante il Consiglio Comunale di marzo, abbiamo continuato la lunga riflessione iniziata già nel dicembre scorso riguardante il Cimitero, volendo così trovare la miglior sintesi per dare ai nostri cittadini il risultato migliore per loro.  

L'ottimo lavoro svolto è stato riconosciuto anche dal TAR che ha RIGETTATO COMPLETAMENTE l'unico ricorso promosso contro tutto il progetto Cimitero, riservandosi a ottobre la decisione sull'unico punto che anche a noi premeva sistemare.

 

Lo abbiamo detto più volte: non vogliamo dare al mio successore lo stesso "peso" che abbiamo dovuto trovare noi nel 2007 e nel 2009. Così abbiamo deciso di risolvere noi la situazione in modo che l'eventuale successore possa iniziare il suo lavoro dal primo giorno senza eredità che richiedono tempo e studio per arrivare a una decisione.

 

Contemporaneamente, abbiamo cercato di fare sintesi anche di tutte le richieste pervenute su una "zona grigia" delle norme che non è ancora del tutto chiara in tutta Italia, non solo a Uboldo.

 

Vi lascio quindi alla comunicazione che abbiamo preparato riguardo all'esclusività di alcuni lavori cimiteriali mentre si saranno notati I LAVORI DELL'ENTITA' DI 1,2 milioni di euro QUANTO PROCEDONO SPEDITI: la prima parte è ormai conclusa e tra pochi giorni partirà anche il secondo lotto, ovvero i nuovi colombari.

 

Mi permetto, infine, una piccola osservazione: chi pensa che questa decisione sia frutto di una riflessione-lampo avvenuta da giovedì 1 maggio (festa...) a sabato 3 maggio non solo è folle nel sostenerlo ma anche nel pensarlo.

Ciò che leggete di seguito è frutto di ore spese a riflettere, condividere, ascoltare, studiare, fare riunioni, cercare di trovare la migliore sintesi per i cittadini che sono l'unica cosa che ci sta davvero a cuore.

Come ho scritto l'altro giorno: se con il CSU e Uboldo Civica in questi anni abbiamo toccato il fondo (ma almeno loro si preparano sulle cose...), altri movimenti stanno dimostrando, ahinoi, che si può scavare ancora. Eccome!

 

Lorenzo

Cari concittadini,
  fare il Sindaco e amministrare un paese significa innanzitutto mettersi in ascolto dei bisogni di una comunità, cercare di capire i diversi punti di vista, sintetizzarli e prendere quelle decisioni che risultino essere il meglio per il raggiungimento del bene comune.

Inoltre, una delle cose che ho sempre voluto è quella di non voler lasciare il mio eventuale successore nella situazione davanti alla quale mi trovai io nel 2007: opere non finanziate (la Palestra), debiti per 7 milioni di euro (oggi ridotti a 2!), pratiche urbanistiche da chiudere (PL degli anni 80 e 90 lasciati aperti) e tanto, tanto altro ancora.
Anche questa volta, grazie al grandissimo lavoro mio, della mia Giunta e dei dipendenti comunali, siamo riusciti a risolvere due questioni davvero cruciali: il Cimitero,  il PL5.


I lavori del Cimitero sono sotto gli occhi di tutti: 1,2 milioni di euro di investimento , la prima parte ormai finita e la seconda, quella dei nuovi loculi, pronta a partire nelle prossime settimane.
Il cantiere verrà chiuso il prossimo agosto. 


A fronte delle numerose istanze promosse dai cittadini e valutato l’andamento delle scelte operate in questi mesi, la prossima settimana l’Amministrazione Comunale avvierà il percorso amministrativo per fare in modo che per alcuni servizi cimiteriali venga tolta l’esclusività, mai comunque utilizzata fino a oggi dal Concessionario.


I servizi di cui vi sto dando conto sono i lavori marmorei e la cura dei giardinetti, lavori per i quali, come in passato, tutte le aziende dovranno sempre e comunque fare richiesta al Concessionario e pagare un’assicurazione (20 euro + IVA) che renda indenne le parti da eventuali responsabilità e danni arrecati ad altre tombe o cose nel Cimitero.


L’altra notizia importante riguarda il PL5: la prossima settimana avverrà l’immissione in possesso della strada Via delle Vigne di Sotto dove 70 famiglie, dal 1993, combattono contro la lentezza amministrativa che le ha dimenticate. L’opera di esproprio, di asfaltatura e di sistemazione è già finanziata e partirà a breve.
Anche questa è un’eredità scomoda che andiamo a chiudere prima di finire questa esperienza amministrativa.
Sono certo che apprezzerete, ancora una volta, lo sforzo di mediazione fatto da questa Amministrazione nell’interesse di tutta la comunità.

Essere Sindaco è innanzitutto operare tendendo al bene comune e alla tutela dei propri cittadini che ci sono affidati: sono certo che anche questa volta capirete i nostri sforzi!

Lorenzo Guzzetti

Sindaco di Uboldo

1 Commenti

Caro Vito, cerca di capirmi...

Caro Vito, so che ti ho promesso di tacere per un mese e di non rispondere alle provocazioni, mi tocca però derogare brevemente da questo fioretto perchè sento urgente la necessità di tutelare persone che lavorano tutti i giorni con me e che per questo paese ci mettono impegno, passione, lavoro.

 

In un'intervista a un candidato sindaco di questi giorni ho letto, riguardante la questione Cimitero, una frase che non mi è affatto piaciuta, che mette in dubbio l'onestà, l'onorabilità e la professionalità di molte persone. Alludere all' "imparzialità" dello svolgimento della gara pubblica del Cimitero significa gettare delle ombre ingiuste e vergognose sul Responsabile dell'Ufficio Tecnico e i suoi collaboratori non sul Sindaco o sull'Assessore che le gare, per legge, non le possono seguire. Oltre che significa non essere informati nemmeno su come sono andate le cose, e questo tanto per dire della presenza di certuni sul territorio.

Il bando del Cimitero è andato deserto per 3 volte (evidentemente era molto appetibile...). Ammetto che il bando di gara aveva dei criteri di accesso molto alti, ma questo semplicemente per porre il Comune in una posizione di tranquillità rispetto a quello che si sente tanto in giro riguardo alle cosiddette "infiltrazioni". 

 

Bisognerebbe avere anche l'onestà intellettuale di riconoscere che anche qualora ci fosse una "imparzialità" i casi sono due: o Guzzetti è troppo bravo, o l'imprenditore in questione è troppo sciocco.

In cinque anni ci sono 3 milioni di opere fatte lì da vedere (la Palestra, 1.8 milioni, e il Cimitero, 1.2 milioni) che al cambio fanno 6 miliardi di lire. E al Barzago non c'è un mattone. E al Cimitero ci vorranno 15 anni per rientrare dell'investimento. Ripeto: o Guzzetti è un fenomeno (cosa che non credo) o l'imprenditore ha smesso di fare impresa e si è messo a fare filantropia (cosa che non credo).

 

Io mi voglio trattenere in questa campagna elettorale dal dire cosa penso degli altrui programmi (quando esistono...e quando non sono cose già fatte...) perchè io parlo per me, non degli altri.

Potrei tranquillamente dimostrare come l'80% di quello che stiamo leggendo in questi giorni o è "carta straccia" oppure non è realizzabile perchè non finanziabile o addirittura contro la legge. Ma evito. Preferirei che anche gli altri candidati si astenessero dal parlare di me e della mia Amministrazione e si concentrassero a convincere i cittadini sulla bontà dei loro programmi (se li hanno), delle loro proposte (se le hanno) e delle loro idee (se le hanno).

 

So che è un'impresa titanica, perchè quando non ci sono tutte queste cose è un po' difficile, ma è intollerabile offendere delle persone sulla loro onestà, professionalità e onorabilità. Ed io, essendo ancora il Sindaco, mi sento obbligato a tutelare queste persone.

Pensavo che in questi anni con certe allusioni e accuse di Uboldo Civica (che puntualmente si sono rivelate dei boomerang) avessimo toccato il fondo. Prendo atto che si può ancora scavare.

 

Anche perchè, se proprio volessimo parlare delle virtù elencate sopra potrei semplicemente dire "da che pulpito viene la predica..."

E appunto, in forza del fioretto fatto a Vito, stavolta mi fermo qui.

 

Lorenzo

1 Commenti

Giovedì 27 febbraio ore 21.00, Consiglio Comunale

Giovedì alle 21.00 in Aula Polifunzionale ci sarà il Consiglio Comunale.

 

Due punti importanti: l'approvazione del PRIC (il Piano Regolatore dell'Illuminazione Comunale) che ci consentirà di indire quindi il bando che porterà al rifacimento totale dell'illuminazione pubblica del nostro paese.

Il secondo punto importante è il numero 3, ovvero portiamo in Consiglio Comunale la petizione arrivata al Sindaco riguardante il Cimitero.


Mi auguro che i promotori e le promotrici (soprattutto le promotrici...) di questa simpatica iniziativa vengano in Consiglio Comunale ma che soprattutto invitino tutti coloro che hanno firmato questa petizione arrivata orfana in Comune (nessuno/a ha lasciato il nome al Protocollo...tanto per dire del convincimento...).

Poi qualche interrogazione sul PGT: anche qui, ne vedremo delle belle.

Di seguito l'ordine del giorno.

Lorenzo

0 Commenti

ADESSO BASTA!

Oggi il TAR ha depositato l'ordinanza sulla questione Cimitero. Con questa ordinanza non viene reiterata la sospensiva che era stata data qualche giorno fa.

Spero che a questo punto finiscano le IDIOZIE che mi tocca sentire, ogni giorno, montate ad arte da certe persone.

Soprattutto da quelle persone che adesso, con la scadenza elettorale alle porte, non fanno altre che riempirsi la bocca di cattiverie, pettegolezzi infondati che nascono dall'invidia e dall'incapacità di esprimere un concetto serio.

Gente che nella vita ha sempre perso...

 

Mi chiedo solo come sia possibile che non si capisca il valore di questa operazione: 2 MILIONI DI EURO che vengono lasciati nelle tasche dei cittadini. 

Preferivano un'altra tassa sui cittadini quelli che remano contro a questa scelta?

E poi mi faccio alcune domande, che vi giro direttamente:

  • chi continua a raccontare palle su palle alla gente che interesse sta facendo?
  • chi raccoglie firme e poi, col coraggio di un leone, arriva in Comune e non lascia il nome di chi la presenta, quale interesse sta facendo?
  • chi raccoglie firme dicendo ai cittadini "è per l'antenna della telefonia", quale interesse sta facendo?
  • chi si fa paladino sui giornali dei cittadini perchè non ci mette la faccia come e quanto ce la metto io?
  • chi mi scrive lettere anonime prendendosela CON la libera concorrenza devo pensare siano gli stessi che poi firmano petizioni PER la libera concorrenza (visto che i temi sono gli stessi...)?

Adesso BASTA!

Lorenzo

7 Commenti

Non parole, ma opere/6

Il Brasile vinceva con Ronaldo la sua quinta Coppa del Mondo nel nostro maledetto mondiale fermato da un arbitro più che discutibile.

L'Euro diventava la moneta ufficiale dei cittadini dell'UE.

Le Olimpiadi Invernali si svolgevano a Salt Lake City.

Michael Schumacher diventava Campione del Mondo per la quinta volta.

 

A Uboldo venivano fatti i lavori della pista ciclabile di Via dell'Acqua.

Mai completamente pagati ai cittadini.

Ieri sera abbiamo deliberato di chiudere questa cosa vergognosa deliberando il rimborso ai cittadini espropriati.

Come già in passato, rimediamo a debiti lasciati da altri.

Come per i più di 20 mutui lasciati dai nostri predecessori, con un debito di 7 milioni di euro ridotto da noi a meno di 3.

Come per la Via Padania.

Come per altre questioni.

Di questo rendo merito all'Assessore Chieregato per la sua ostinazione e il suo impegno nel vedere riconosciuti i diritti dei cittadini.

Nella Giunta odierna invece abbiamo deliberato il progetto esecutivo del cimitero. Lunedì partono i lavori.

Avanti così!

Lorenzo

0 Commenti

Sarò Greve (...come Mourinho)/21 - Pettegoli e pettegolezzi

Leggo i settimanali di oggi e voglio fare il mio consueto pensierino.

Due gli argomenti: Cimitero (ancora, che palle...) e il mio amico Andrea.

 

1. CIMITERO

Sono stanco che ai cittadini venga gettato "fumo negli occhi" e non venga detta la verità.

 

Leggo che la stampa è già al corrente del numero di persone che avrebbe firmato la petizione mentre qui in Comune nulla è ancora arrivato.

So però che alle persone anziane veniva detto che bisognava firmare "contro l'antenna delle telecomunicazioni" (argomentazione detta alla mamma di un mio assessore). E un uccellino mi ha raccontato anche chi raccoglieva le firme. Ne parleremo magari prossimamente...

 

Ho chiesto a un mio ufficio quanto avevamo incassato nel 2012 dai servizi cimiteriali dato che essi, come leggerete poi, sono ESCLUSIVAMENTE del Comune quando gestisce direttamente il Cimitero.

Mi è stato risposto: "Zero. Si arrangiava il privato."

PERCHE' si arrangiava il privato per dei servizi pubblici?

Questi SOLDI dove sono finiti?

Ma, soprattutto, questi soldi che mancano (e che quindi configurano una TRUFFA ai danni dello Stato) DOVE andavano a finire? 

 

Ho deciso quindi di chiedere ai dirigenti del nostro Comune di avviare un procedimento per capire chi sono stati i responsabili di questo "buco" fatto dal nostro Cimitero negli anni scorsi e, soprattutto, dove sono andati a finire questi soldi.

Al termine del post lascio un articolo trovato in questi giorni che dice chiaramente COSA DICE LA LEGGE riguardo a questo tema.

2. ANDREA

Sul mio amico Andrea.

Non mi sorprendo che escano pettegolezzi di questo tipo perchè è la fotografia della mediocrità della politica italiana e della nostra politica locale che essendo composta da gente che senza il simbolo del partito sarebbe nulla, si sorprende che qualcuno possa FARE qualcosa per gli altri SENZA INTERESSI.

 

La lotta alla leucemia come la Protezione Civile, la SOS come il Palio.

 

Vivendo solo di interessi questi tapini non capiscono che due persone (nella fattispecie io e Andrea) possono essere amici perchè semplicemente nella vita esiste qualcosa di così nobile come l'amicizia.

Questa gente non sa che io e lui ci conosciamo da 15 anni, da quando io ero un giovane dell'Oratorio e lui un ragazzo che giocava il giovedì sera con gli amici (qualche imbecille penserà che io nel 1998 organizzavo tornei di calcio perchè nel 2009 volevo fare il Sindaco...)

D'altronde non mi sorprendo: sempre qualche "presunto politico" pensò anche che l'Official Fan Club di Valentino Rossi di Tavullia venne pagato dal Comune per la Notte Gialla. In realtà l'Official non ha mai chiesto un soldo nè al Comune nè ad Andrea...

 

Dico solo una cosa: è un peccato che gente come Andrea non faccia politica perchè è proprio di quella gente che la politica ha bisogno.

Oggi abbiamo gente che ci governa che nemmeno sa di cosa parla ma che è messa lì da qualcuno. E questo a tutti i livelli.  

Condivido con lui una cosa: si fa molta più politica (cioè nel senso etimologico del termine: "relativo alla città") con le associazioni oggi che con quattro smandrappati dietro alla bandiera di un partito.

 

Invito i miei concittadini a fare un test: nei prossimi mesi tanti parleranno e si diranno "impegnati" e "interessati" al "bene del paese".

Chiudete gli occhi.

Pensate a quante volte avete visto nella vostra vita questi incapaci  fare qualcosa per gli altri o sporcarsi le mani.

Troverete da soli le risposte....

 

Eh già, che brutta bestia l'invidia. 

Lorenzo

IMPRESE FUNEBRI E LAVORI CIMITERIALI - per l'articolo completo clicca qui

Le disposizioni di legge vigenti [...] sanciscono inequivocabilmente la demanialità dei cimiteri.[...]

L’esecuzione di operazioni cimiteriali, pertanto spetta ESCLUSIVAMENTE al gestore del servizio cimiteriale. Trattandosi di servizio pubblico locale, questo può essere svolto in una delle forme consentite dall’articolo 113 del D.Lgs. 267/2000 (tra cui è previsto il project financing, nota di Lorenzo).

NON E' QUINDI MATERIA DI IMPRESA FUNEBRE, la quale normalmente oltre ad effettuare il trasporto funebre e la fornitura della bara, nonché di altri articoli funebri e di votivi, assume mandato dalla famiglia al fine di svolgere in nome e per conto della clientela le pratiche che altrimenti sarebbero incombenza dei congiunti del de cuius.

 

La presunta “pretesa” del Comune di imporre il proprio personale necroforo (o della ditta appaltatrice per la gestione del camposanto), a nostro avviso, almeno, TROVA IL PROPRIO FONDAMENTO anche in una consolidata giurisprudenza, ovvero nel comune orientamento dei tribunali italiani nel dirimere problemi di tale genere.

 

La suprema corte di Cassazione civile, con sentenza del 7 aprile 1999 n. 443 ha chiarito che Le attività inerenti ai servizi cimiteriali rientrano tra quelle di pertinenza della Pubblica Amministrazione e sono regolate da norme di diritto pubblico [...]

 

Per consuetudine (o…ABUSO???) o finanche per necessità, considerata la scarsa disponibilità del personale dipendente, spesso si consente ai parenti del defunto di provvedere alle operazioni cimiteriali evitando al contempo la riscossione delle relative tariffe.

Tale comportamento seppur di estrema attenzione nei confronti dei cittadini DOVREBBE QUANTO PRIMA ESSERE SUPERATO anche per evitare gravi responsabilità da parte del Comune o meglio del Sindaco, si pensi ad esempio alle conseguenze penali previste dal D.L.gs. n. 626/1994 e s.m. e i. in caso di incidente all’interno del cimitero.[...]

 

I lavori cimiteriali non attengono alle imprese funebri: Come giustamente valutato, l’impresa funebre di norma è semplicemente dotata di autorizzazione al commercio per articoli funerari (quella generica non alimentare) e di autorizzazione come agenzia d’affari ex art. 115 T.U.LL.P.S..

Qualora l’impresa fosse in possesso unicamente di dette autorizzazioni il Comune NON può ammetterla a fornire servizi che, per loro natura, configurano la necessità di IMPRESA DI SERVIZI EDILI. Pertanto solo nel caso che l’impresa di pompe funebri sia anche impresa edile (registrazione alla Camera di commercio e possesso delle previste autorizzazioni in tal caso) allora il Comune potrà legittimamente ammetterla a partecipare alla gara per l’affidamento della fornitura di servizi di che trattasi. In caso contrario si rischierebbe l’invalidazione della gara da parte di qualunque altro concorrente in possesso dei legittimi titoli.

È chiaro che è il Comune a dettare le regole di partecipazione alla gara, a nulla significando la richiesta da parte di qualunque altro soggetto.

6 Commenti

Ettore, i 24 euro e chi "suona il tamburo"...

Caro Ettore,
        da efficiente sindaco lombardo ("chi sa laùra") ho verificato.
 
La cosa delle 24 euro per mettere i fiori al cimitero è una sciocchezza inventata ad arte. CHIUNQUE può andare e mettere fiori, pulire le tombe e fare ciò che vuole.
E questo lo sanno anche gli operatori. Hai fatto bene a dirmelo, per esempio, proprio perchè il Comune in questi casi TUTELA il cittadino e si informa per sapere se ci sono eventuali infrazioni alle norme della convenzione.

E' diverso se un'azienda deve entrare a fare opere di manutenzione straordinaria a una tomba dove deve mettere cestello, camioncino, usare la corrente, avere un'assicurazione che copra eventuali danni arrecati ad altre tombe.
Si chiamano "diritti di segreteria" che esistevano anche prima con il Comune e sono facilmente comprensibili...

Ammetto che non sei stato l'unico a chiedermelo.
Solo che adesso inizio a scocciarmi.
Mi sto chiedendo CHI possa avere interesse a "suonare i tamburi" usando una frase a te cara perchè ora ci sono delle REGOLE.
 
Mi sto anche dando delle risposte.
Come dicevo a Enrico oggi, dovremo forse fare dei seminari di fondamenti di ragioneria e di regole della pubblicità.
O forse dovrò essere greve come piace a molti miei fans.

Perchè alla fin fine se c'è un suonatore e una mazza, il tamburo ci deve sempre essere.
Sì, mi sa che dovrò spiegarlo.
 
Un caro saluto.
Lorenzo
6 Commenti

Ultime e comprensibili precisazioni sul Cimitero (prima di essere greve...)

Per l'ultima volta torno sull'argomento Cimitero estendendo un esempio che ho visto molto comprensibile ai cittadini. Utilizzo un esempio a noi molto vicino e concreto.

Dunque partiamo dalla base del ragionamento:

 

il Cimitero di Uboldo oggi è diventato come le Autostrade.

 

Perchè?

Perchè Autostrade per l'Italia non è un ente benefico, ma è una società privata per azioni quotata in borsa. La terza corsia, lo svincolo, la bretella che collega la nostra zona industriale allo svincolo non le abbiamo perchè sono un Sindaco oggettivamente molto affascinante, ma perchè Autostrade per l'Italia garantisce degli investimenti da realizzare sulla rete in un tot di anni durante i quali ha la concessione della rete.

 

A chi li garantisce?

Allo Stato, che è l'ente proprietario della rete autostradale e che periodicamente mette in appalto la CONCESSIONE della sua rete. La CONCESSIONE della rete è data a fronte di investimenti che il privato (cioè Autostrade e i partecipanti all'appalto) deve garantire nel periodo della CONCESSIONE.

 

Lo Stato che garanzie deve dare al CONCESSIONARIO per rientrare dall'investimento?

Lo Stato offre la garanzia che TUTTI I SERVIZI legati alle Autostrade siano ESCLUSIVI per il CONCESSIONARIO che investe e che deve necessariamente rientrare dall'investimento, non essendo (ribadisco) un ente benefico ma un'azienda che il 27 di ogni mese paga degli stipendi e non avendo in banca la pianta dei soldi.

 

QUESTA E' ESATTAMENTE LA STESSA COSA CHE STA SUCCEDENDO NEL NOSTRO CIMITERO.

 

Il Comune di Uboldo è PROPRIETARIO del Cimitero come lo Stato è proprietario della rete autostradale.

L'azienda che ha vinto l'appalto (cioè BG Edile Servizi Srl) è concessionaria del Cimitero come Autostrade per l'Italia è concessionaria della rete autostradale.

 

La Concessionaria ha l'esclusiva dei servizi cimiteriali a fronte di un INVESTIMENTO di 1,2 milioni di euro (2,4 miliardi di vecchie lire) che partiranno a fine mese. Questo investimento che fa la concessionaria è garantita del rientro in 15 anni.

 

Cioè, lo Stato (ovvero i cittadini uboldesi) avrà tra 6 mesi 1,2 milioni di opere nuove (per le Autostrade la terza corsia) e la Concessionaria rientrerà in 15 anni dell'investimento (per le Autostrade in base alla durata della concessione).

 

Questo esempio potete traslarlo in maniera estensiva anche ad altre realtà: Ferrovie, Aereoporti e altro. Secondo voi un'azienda esterna potrebbe lavorare senza chiedere permessi sulla rete autostradale?

 

Spero di essere stato abbastanza esauriente.

 

Chioso lasciando a "buon intenditor, poche parole".

Il Comune o lo Stato quando decidono di fare queste cose le fanno tutelando SEMPRE l'interesse diffuso e NON l'interesse particolare.

L'interesse diffuso dei cittadini è quello di avere un Cimitero o delle Autostrade funzionanti e funzionali.

Il Comune o lo Stato decidono di fare queste operazioni perchè non hanno soldi per poter far loro direttamente gli investimenti e/o questo genererebbe altre tasse da pagare.

 

Spero di essere stato chiaro.

Prima, come dice il mio amico Ciccio, di "sgarbizzarmi".

Lorenzo

5 Commenti

Era meglio quando era terra di nessuno?

Non avrei voluto dover commentare quello che mi sembra sia già chiaro, ma tirato in ballo forzatamente occorre chiarire alcuni aspetti sul Cimitero e la sua nuova gestione.

Come al solito, preferisco far parlare i fatti.

 

TRASPARENZA E NORME

La "Carta dei Servizi" che tra qualche giorno arriverà nelle vostre case avrà tutto scritto e sarà molto più esaustiva di quello che potrei essere io in queste righe.

Le norme a cui ci siamo adeguati sono norme vigenti dal 1991 in poi.

Dico, 1991. A queste norme i "principi del diritto" che ci hanno governato per anni non si sono adeguati, lasciando una situazione di fatiscenza amministrativa e strutturale che era sotto gli occhi di tutti. Perchè? 

 

SITUAZIONE AL 2012

Il nostro Comune ha avuto un'anagrafica cimiteriale solo nel 2012. Dal 1951. Dico, dal 1951. Cioè, prima del 2012 in Comune nessuno sapeva effettivamente chi "abitava" il nostro Cimitero. Per non parlare dei contratti: o scaduti o introvabili. Dobbiamo ancora commentare?

QUESTIONE TOMBE E/O GIARDINETTI

Nessuno mai impedisce a una famiglia di sistemare la tomba, di portare fiori, di pulire le tombe. Altra cosa è quando questo lavoro di sistemazione viene fatto fare a un'azienda esterna.

 

Mi sembra del tutto normale (e non ci trovo nulla di strano) se l'azienda che oggi sta gestendo il cimitero chieda a chi entra a lavorare di essere:

- in regola con la normativa;

- di chiedere il permesso;

- di pagare un'assicurazione che garantisca e sollevi chi gestisce il Cimitero da eventuali danni arrecati ad altre tombe o al Cimitero stesso.

 

Pertanto sono leggende metropolitane quelle che raccontano di soldi da dare per pulire una tomba, cambiare i fiori e fare quelle attività normali che rientrano nella consuetudine e nell'ordinario.

PROJECT FINANCING

Gli "oculati amministratori" passati hanno raccontato la bufala che i loculi ci sono. Certo, care zucche vuote, i loculi ci sono. Peccato siano già tutti prenotati. Pertanto poichè non è il Cremlino a decidere chi far morire ma il Padreterno, va da se che finanziare loculi attraverso la prenotazione è una pessima idea perchè poi questi ci sono ma sono inutilizzabili!

 

Da qui la scelta del project financing: tra pochi giorni inizieranno i lavori nel nostro Cimitero e le nuove opere saranno sempre a disposizione di tutti. Importo: 1,2 milioni di euro. Per avere più notizie vi invito a cliccare qui, nel nostro approfondimento da mesi visibile su questo sito.

Senza contare la soddisfazione di ricevere numerose telefonate da colleghi sindaci che chiedono di poter trasmettere loro il bando e i documenti perchè vogliono fare la stessa cosa.

IL DUBBIO

Come l'abile giornalista ha millantato di "gruppi di anziani" così io potrei citarvi cittadini che magari casualmente hanno dovuto far fronte in pochi mesi a dei lutti e che a distanza di pochi mesi si trovano a pagare sensibilmente meno.

E vengono in Comune a chiedere se è vero!!!!!

 

Il Cimitero era terra di nessuno. E ora invece ci sono delle regole, c'è trasparenza, c'è tutto scritto. Nero su bianco.

 

"A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina"

(Giulio Andreotti)

 

Lorenzo

2 Commenti

Com'è oggi - Come sarà con il Project Financing

Per rispondere al commento di Isa (e alla curiosità di molti) credo non ci sia cosa migliore che far vedere cosa succederà nei prossimi mesi nel nostro cimitero.

Ringrazio il progettista, l'Ing. Giuseppe Gioia, di avermi fornito gentilmente queste immagini.

Lorenzo 





5 Commenti

1 milione di euro di investimenti per il nostro Cimitero

Con la giunta di martedì sera abbiamo deliberato l'affidamento in Project Financing per la concessione della gestione del cimitero finalizzata all'ampliamento e alla sistemazione dello stesso.

Raggiungiamo così un altro obiettivo importante per la nostra Amministrazione che chiude un lavoro iniziato più di un anno e mezzo fa dal nostro Assessore ai Lavori Pubblici Enrico Chieregato e da tutto l'ufficio Lavori Pubblici coordinato in maniera egregia dal Geom. Dario Iraga.

Questa decisione crea un altro milione di euro di investimenti a beneficio della nostra comunità, investimento che va ad aggiungersi ai quasi 10 milioni già generati in questi quattro anni di amministrazione.

La situazione che avevamo trovato era disastrosa e la storia completa potete trovarla nel dossier di approfondimento che potete trovare qui.

 

Regolamenti mai aggiornati, documenti previsti dalla legge non redatti, contratti mai firmati, disordine totale nelle pratiche, opere da fare con urgenza mai pianificate.

Rimanevano solo, nelle mani del Comune, i loculi nuovi fatti qualche anno fa realizzati con il metodo inutile della "prenotazione" per far cassa e realizzare quindi i posti. Dimenticandosi che Stalin non ha ancora la facoltà di farci andare al Creatore secondo l'ordine suggerito dal Centrosinistra di Uboldo (ora Uboldo Civica, prima chissà che altro...).

La decisione di sistemare il tutto aprendosi all'opportunità del Project Financing è arrivata dopo un ampio dibattito all'interno del nostro gruppo che ha voluto perseguire questa strada perchè perfettamente incanalata nella nostra politica di sussidiarietà reale.

 

Come sempre, la nostra comunità che arrivava da amministrazioni disastrose, aveva anni di lavoro mai fatto da recuperare.

Quindi abbiamo prima dovuto aggiornare i vari regolamenti, fare il Piano Regolatore Cimiteriale e quindi arrivare all'obiettivo. Un iter lungo un anno e mezzo, come burocrazia vuole.  

Ultima riflessione, non meno importante.

Anche in questo caso "l'uboldesità" viene salvaguardata.

A vincere il bando di gara è stata un'azienda uboldese (la BG Edile) con un progettista uboldese (l'Ing. Gioia).

Questa è garanzia di maggior attenzione per le opere che verranno realizzate, opere che io ho già visto in progetto e che devo dire cambieranno notevolmente il volto del nostro camposanto, rendendolo finalmente diginitoso.

L'elenco delle opere lo potete trovare cliccando qui.

I lavori inizieranno con molta probabilità a settembre quindi, anche in questo caso, raccomando la pazienza fin da ora per i disagi che (seppur pochi, come mi hanno garantito) saranno per forza recati all'interno del Cimitero.

 

Per chi volesse approfondire, sabato mattina alle 11.00 dentro al "Sabato della Grande Età" inizieremo a spiegare cosa cambierà e come nei prossimi mesi. E' molto probabile che nelle prossime settimane riproporremo l'incontro.

 

Lorenzo

3 Commenti

1 milione di investimento per il camposanto

Sabato mattina un buon numero di cittadini ha preso parte all’assemblea pubblica legata al cimitero comunale, al com’è e come sarà nel prossimo futuro.

E’ stato un momento importante perchè abbiamo potuto chiarire che le tante chiacchiere da bar e le tante idiozie costruite ad arte per fare polemica e creare confusione (vedi indennità, svincolo, Pedemontana ecc. ecc. ecc.) non hanno alcun fondamento.

In sostanza poco o nulla è cambiato con il nuovo regolamento rispetto a prima. La verità di fondo è che questa amministrazione si è ritrovata con un grosso problema trascinato per anni e, come sempre, lo ha dovuto risolvere. Risolvere questo problema ha generato la necessità di adeguarsi alle norme subentrate nel corso del tempo che non risalgono propriamente all’altro ieri: il DPR n.285 solo del 1990 (vi ricordate le “Notti Magiche” di Gianna Nannini?), una legge regionale del 2003 e un regolamento regionale del 2004. Non proprio due giorni fa. Inoltre abbiamo ereditato una situazione particolarmente grave sotto il punto di vista dei contratti e di tutta la logistica del cimitero: basti pensare che fino a 3 mesi fa il nostro Comune non sapeva quante e quali persone riposavano al camposanto.

Così il cambiamento più evidente oggi è quello dell’introduzione del vestibolo, obbligata dall’art.16 comma 4 del Regolamento Regionale, che renderà dal febbraio 2025 tutte le vecchie tombe non dotate del vestibolo inutilizzabili. Questo sempre per gli effetti del Regolamento Regionale del 2004 a cui tutti i Comuni dovranno adeguarsi.

Un’altra spiegazione l’abbiamo data circa l’ampliamento del cimitero che ad oggi è preferibile evitare per due ragioni: l’area in cui era previsto l’ampliamento è stata destinata all’acquedotto dai nostri predecessori e quindi l’ha resa inutilizzabile. Ampliare il cimitero nella Piazza degli Alpini significherebbe andare a distruggere un’opera del 2002, costata ai nostri cittadini 1 miliardo e 600 milioni e per la quale è attivo un mutuo che andrà fino al 2025. Insomma, una bazzecola.

La vera innovazione è nel futuro. A breve, dopo il passaggio in Consiglio Comunale, avvieremo il Project Financing sul cimitero che prevede un investimento da parte di chi vincerà il bando di più di 1 milione di euro di opere da realizzare nel 2013. Il project durerà 15 anni e vedrà messi a gara anche tutte le tariffe appena approvate dal nostro Consiglio Comunale che saranno quindi riviste al ribasso facendo così trarre beneficio ai nostri cittadini. In attesa di definire gli ultimi dettagli saranno previsti i seguenti interventi:

- rifacimento coperture e manutenzione straordinaria dell’ingresso in Via per Origgio, della Cappella Centrale, della Camera Mortuaria, del locale custode e dei bagni (che come ho definito sabato oggi sono dei “cessi”), scale monumeto dei caduti (in stato attuale di fatiscenza) e pavimentazione di parte dei vialetti.

- 330 loculi e 120 ossari (costo stimato: 600.000 €).

- 184 posti di tombe a terra con vestibolo comune

Ai nostri cittadini riserviamo inoltre una possibilità per ottenere tutte le informazioni specifiche o per analizzare il proprio stato di fatto con le concessioni potete prendere appuntamento presso l’Ufficio Segreteria telefonando allo 02/96992210 oppure scrivendo a segreteria@comune.uboldo.va.it

Quindi questa Amministrazione in 3 anni genera 11 milioni di euro di investimenti sul nostro territorio. Che, al cambio della lira, sono 22 miliardi di lire. Noi facciamo i fatti. Il resto lo lasciamo agli altri.

Lorenzo

0 Commenti

Ancora, ahinoi, sul cimitero

Devo tornare forzatamente su un argomento non sicuramente simpatico

 il cimitero, utilizzando la risposta a una lettera che una cittadina mi ha scritto nei giorni scorsi.

Intuisco, da ciò che mi ha scritto la cittadina in questione, che qualcuno (a destra e a sinistra) sta facendo speculazione politica. In realtà c’è pochissimo di cambiato rispetto al passato se non che ora abbiamo allineato la normativa comunale alle disposizioni regionali in materia (allineamento che doveva essere fatto nel 2001 e nel 2005) e se non che ora i regolamenti non sono solo carta straccia ma almeno vengono letti. Per facilitare la lettura ho scorporato e riassunto la lettera della cittadina inserendo le mie risposte che come al solito possono non essere simpatiche ma sono realiste e concrete.

Capisco però che è ora di rispondere e, con molta probabilità, di fare un po’ di chiarezza anche in tutte le famiglie. A breve farò personalmente una comunicazione.

Lorenzo

DOMANDE E RISPOSTE SUL CIMITERO

PREMESSA: le nuove direttive sono state approvate “in sordina”

Il Consiglio Comunale è pubblico ed è un diritto e dovere dei cittadini frequentarlo e informarsi. Non esistono decisioni prese “in sordina” e, tanto meno, decisioni prese senza le opportune riflessioni.

Le do solo qualche dato indicativo. Il nostro cimitero era da 20 anni completamente abbandonato a se stesso e la situazione di campi disponibili era allarmante, ma soprattutto anche a livello di organizzazione era completamente inadeguato. Le basti sapere che quello che abbiamo applicato noi è previsto dalla Legge Regionale (che è superiore a quella Comunale) dal 2001 per il Piano Regolatore Cimiteriale e dal 2005 per quanto concerne le tombe con vestibolo che hanno reso “fuori norma” le tombe attuali. Quindi, quello che abbiamo fatto noi, non è null’altro che allinearci a normative già in vigore da diversi anni su tutto il territorio lombardo e in parecchi comuni a noi limitrofi. Quindi, Le parlo da Sindaco, mi stupisce innanzitutto che chi ci ha preceduto non abbia conformato i regolamenti alle leggi in vigore.

Inoltre Le segnalo che l’assessore Chieregato ha coinvolto tutte le forze politiche che erano perfettamente a conoscenza di quanto si andava ad approvare e che, in sede di lavori preliminari, non hanno mai fatto rilevare nulla o quasi.

PUNTO 1: CONCESSIONI “50 ANNI”

Riguardo alla concessione per “50 anni”, cara Signora, è sempre stato così perché la concessione è unica non è “ad personam”.

Esemplifico, permettendomi questa libertà dato che ci conosciamo da anni e personalmente.

A prescindere dal giorno in cui verrà a mancare un mio stretto famigliare, la concessione del giardinetto dove riposa la mia cara mamma scadrà nel 2049. Anzi, così le rispondo in parte già al punto successivo, la mia situazione è peggio della Sua dato che se avremo un lutto dopo il 2024 (data prevista sempre dalla normativa regionale) e se non subentreranno proroghe da parte dell’Ente Superiore quel giardinetto da 3 posti rimarrà inutilizzabile fino al 19 maggio 2049 data in cui, comunque e forzatamente, dovremo liberarlo.

A differenza della Sua famiglia che, in forza della deroga introdotta da questa Amministrazione il 20-12-2011, potrà farlo fino alla scadenza dei “50 anni”, ovvero nel Vostro caso nel 2061.

PUNTO 2: ESCLUSIONE DEL RINNOVO PER I CAMPI 27-28-29

Trova conforto nel punto 1). Mi permetto di aggiungere che la deroga fatta ai campi 27 -28 – 29 è stata effettuata proprio perché chi ci ha preceduto non ha recepito e applicato la normativa regionale. Così, per non sfavorire i nostri cittadini, abbiamo pensato a questa deroga che va totalmente in favore delle famiglie che hanno un caro estinto in questi campi.

PUNTO 3: ALLA SCADENZA DELLA CONCESSIONE ESUMAZIONE E RICOLLOCAZIONE SONO A CARICO DEI PARENTI

Riguardo alle spese di esumazione, cara Signora, è sempre stato così.

Mi permetto di farLe un appunto: proprio per la mancanza di programmazione e per la palese sufficienza con la quale si è trattato l’argomento cimitero oggi Lei può scrivere a me “Dove li metteremo?”. Infatti, stiamo lavorando per quello. Noi. Questa Amministrazione.

PUNTO 4: QUESTA AMMINISTRAZIONE “FA CASSA SULLA PELLE E SUL DOLORE DEI SUOI CONCITTADINI”

Questa Sua affermazione mi sembra un po’ dura. Nessuno specula sul dolore delle famiglie. E ci mancherebbe. E sarebbe anche ingeneroso e ingiusto, soprattutto per chi mi conosce personalmente, pensare che sia così. Agli amministratori corre l’obbligo di amministrare ma anche di fare delle scelte che non condizionino in futuro la nostra comunità. L’aver sempre demandato al futuro le scelte necessarie sul cimitero ci hanno portato a questa situazione.

Voglio però esemplificare anche in questo caso.

3.000 euro per una concessione (che Signora, ribadisco, è una CONCESSIONE non un acquisto!) di cinquant’anni sono 60 euro all’anno che diventano 5 euro al mese. 5 euro al mese che sono utilizzate per la gestione e manutenzione del cimitero.

Mi dica Lei se ha il coraggio di chiamarla ancora speculazione!!!

PUNTO 5: COSA PORTERA’ LA PRIVATIZZAZIONE?

Non so chi Le abbia suggerito il termine “privatizzazione” anche perché di ciò proprio non si tratta. Il “Project Financing” sul cimitero è uno strumento già in uso da parte di molte amministrazioni comunali italiane che in questo modo hanno evitato quello che è accaduto proprio nel nostro Comune: contratti disordinati o persi, organizzazione nulla, pianificazione assente. Il Project Financing ridarà anche una dignità al Camposanto e cercherà di offrire delle soluzioni per fare in modo che certe situazioni spiacevoli non debbano più ripetersi in futuro.

0 Commenti

"E' tutta fuffa.."/1

Inauguro una nuova rubrica che prende il titolo da una cara espressione del nostro popolo: “E’ tutta fuffa…” per dire quando una cosa non è vera, è eccessiva… insomma, è aria fritta!

Ed è quello che ho pensato leggendo l’ultimo messaggio riguardante il cimitero a firma della Corazzata Potemkin dopo l’opera di ”rivergination” con cambio di nome, colore e simbolo.

Dimenticano, i tapini, che il nostro cimitero è l’ennesima dimostrazione di cattiva (se non pessima) amministrazione del nostro paese in anni recenti: contratti mai firmati, opere che venivano pagate meno dell’effettivo costo di costruzione, non un piano di rientro costi per la manutenzione, nulla di nulla. Dal loro pulpito pieno di “bla bla bla” dimenticano i “sacerdoti del diritto e della legalità” che per 5 anni, forse perchè troppo presi dal redigere il loro personalissimo monumento all’inefficienza (il PGT) o a sognare palestre che mai avrebbero realizzato (spendendo nel frattempo migliaia di euro dei cittadini nel minigolf), non hanno redatto un Piano Regolatore Cimiteriale (previsto dal 2001!!!), un Regolamento di Polizia Mortuaria nuovo con gli standard richiesti da Regione Lombardia nel 2005-2006. Forse, come per lo svincolo, anche in quel caso si è preferito non piegarsi ai temutissimi ”poteri forti”. Che forse vedono solo loro. Di notte. Mentre dormono.

Questo è quello che ci siamo un po’ trovati sotto gli occhi noi. Ringrazio l’assessore Chieregato per l’impegno che sta profondendo in questa opera di sistemazione di tutta la questione cimitero, insieme al suo staff tecnico dell’ufficio lavori pubblici. Certo, non è un’opera visibile, non è il minigolf buttato lì o un ulivo piantato in mezzo al nulla, ma è qualcosa di veramente utile per tutta la comunità. E non è nemmeno “popolare”, anzi! Al contrario è molto impopolare, ma la responsabilità dell’amministrare prevede anche questo: scegliere, decidere, lavorare, perchè solo così si fanno le cose. La dialettica e l’opportunismo politico la lasciamo ai nostri Tafazzi. Noi, lavoriamo!

La possibilità di project financing, già collaudata con successo in altri comuni, è una possibilità che la nostra Amministrazione sta prendendo in considerazione. Migliorare l’efficienza del servizio, dare una dignità al nostro cimitero che sicuramente è in stato di abbandono da anni. Per non dire almeno da due decenni. Fare in modo che i cittadini che pagano un servizio effettivamente lo abbiano un servizio! Basterebbe applicarsi un po’ e imparare. Studino, si documentino, si preparino. Poi parlino. Ci vorrebbe Sgarbi qualche volta in Consiglio Comunale, lui sì che forse saprebbe trovare le parole giuste…

Il resto è “fuffa”, parole in libertà, demagogia populista, guerriglia sociale basata sull’avvelenare il clima con la gente attraverso bugie sopra bugie. Un “giochino” ormai rotto. Ce l’hanno propinato in dieci anni con l’Aries (e alla fine chi ha centinaia di camion al giorno siamo noi…hanno perso), con lo svincolo (e hanno perso), con la palestra (e hanno perso), ci hanno provato con l’area ex-Barzago (e hanno perso), ci proveranno nei prossimi mesi con Pedemontana (e falliranno) e ora, nel frattempo, ci provano con il cimitero.

Questa Amministrazione risponde con i fatti, con le palestre, con il lavoro in Palazzo Crivelli che sta per essere concluso, con i parchi, con la piantumazione di alberi, con una vera politica ambientale non basata sull’ideologia ma sui fatti, con una politica sociale vera, con un PGT che verrà alla luce, con l’aver ottenuto da Regione Lombardia e Autostrade più di quello che si poteva riguardo lo svincolo. Fatti veri, concreti, reali.

Il resto “è tutta fuffa!”

Lorenzo

0 Commenti
Per favore, inserisci il codice:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Scrivi commento

Commenti: 0