In questa sezione ci occupiamo del Piano di Governo del Territorio e dell'Uboldo che verrà.

Potrete trovare alcuni articoli interessanti tratti dal blog che parlano del PGT e potremo interagire insieme, confrontandoci sulle scelte importanti per il nostro paese.

PGT 2018-2023: le linee strategiche

Sono davvero felice di potervi presentare la nuova sfida dentro la quale ci lanciamo in questo anno 2017: la revisione del Piano di Governo del Territorio. 

 

Abbiamo deciso di mettere mano al nostro stesso PGT, quello vigente, in maniera coraggiosa e virtuosa per la nostra comunità.

Vogliamo pensare di iniziare a tratteggiare quello che sarà l'Uboldo del domani, l'Uboldo che porterà i nostri cittadini nel futuro.

Nulla è più avvincente in un'amministrazione comunale che "fare" un PGT.

In quella sera di marzo 2014 lo definii un momento storico.

Come lo è ora, il definire le linee strategiche di questo nuovo PGT. 

 

Ciò che ci guida, anche stavolta, è il bene comune da una parte e, dall'altra, quella di essere ancora una volta innovativi. 

 

Introduciamo dei concetti nuovi per un PGT: attrattività, evoluzione sociale ed economica da monitorare costantemente, piano dei servizi pensato guardando alla sostenibilità economica degli stessi, valorizzazione del Parco dei Mughetti, sguardo comprensoriale e, soprattutto, l'esplicita richiesta di revisione del PGT a chi verrà dopo di noi.

Ci siamo accorti nelle prime riunioni preliminari che le stesse persone, allo stesso tavolo, con i medesimi valori, hanno parlato di una società che in soli 3 anni è completamente diversa.

Quanta differenza rispetto a un PRG del 1984 durato 30 anni.

Capite cosa voglio dire?

Che noi stessi per primi chiediamo a chi verrà dopo di noi di adeguare lo strumento urbanistico perchè tra 2 anni noi finiremo il nostro mandato e la nostra società oggi viaggia a una velocità supersonica.

Andrà rivisto, andrà riletto, andranno riconsiderate le priorità.

 

Ma la cosa più importante, per me che amo il mio paese, è lo scrivere, nero su bianco, che quello che vogliamo disegnare è un paese BELLO dove vivere, lavorare, investire, impegnarsi nel sociale e fare una famiglia.

Famiglia che, ancora una volta, è la base e il fondamento su cui facciamo il nuovo PGT.

Infine, ma non da ultimo, l'esplicita volontà di un PGT che realizzi le sue previsioni.

Un PGT che non realizza le sue previsioni è lettera morta ed è segno di una comunità ferma.

Un PGT che realizza le sue previsioni consente invece di dare un giudizio positivo alla politica, a chi ha guidato il paese, a chi ha GOVERNATO la città.

E questo è ciò che vorrei rimanesse di tutti questi anni di mandato: con tanti errori e difetti, con tante manchevolezze anche caratteriali, ma essere ricordati tutti, noi di Uboldo al Centro, come gente che la città l'ha GOVERNATA prendendo per mano i cittadini e indicando la strada verso il futuro.

A voi, la lettura.

Lorenzo

 

LINEE STRATEGICHE

1. Il PGT 2014-2019 ha dimostrato, in questi primi tre anni dalla sua entrata in vigore, di essere uno strumento molto buono, che ha dato risultati ottimi sia riguardo agli obiettivi strategici da cui esso traeva l’origine, sia in termini di ripresa edilizia, sia in flessibilità e comprensione tecnica da parte degli operatori del settore. La presente revisione è quindi una continuità confermativa di quanto già fatto nel 2013 e vuole perfezionare e rendere più attuale lo strumento urbanistico allineandolo alle esigenze di una società e di una economia in costante mutamento, mentre si persegue l’obiettivo principale di adeguamento normativo (L.R.31/2014). Quindi l’attenzione e la salvaguardia dell’ambiente rendono migliore la vita di chi decide a Uboldo di creare una famiglia, lavorare, investire, impegnarsi nel sociale.

 

2. L’obiettivo di un PGT è che le sue previsioni si realizzino. Per questa ragione, contestualmente alla prima analisi, occorre anche sottolineare che questa revisione produrrà il terzo PGT in dieci anni dal 2005/2007, e il quarto strumento urbanistico in 30 anni. Sarà dunque necessario analizzare tutte le previsioni non realizzate dei precedenti piani e confermate nel 2014, per avviare la indispensabile riflessione sulla possibile revisione di tali previsioni sia in termini di necessità del territorio sia in termini di raggiungimento dell’obiettivo. 

 

3. Si ribadisce che la famiglia è fondamento della società civile, primo luogo di educazione ed elemento base del sistema di welfare locale. Per questo motivo l’obiettivo primario, vista anche la perdurante situazione di stagnazione del puro investimento immobiliare, sarà offrire l’opportunità di costruire ampliamenti di case e/o nuove costruzioni su terreni già urbanizzati per lo sviluppo naturale della famiglia e/o il recupero dell’esistente soprattutto in centro storico. 

 

4. Confermato il raggiungimento del massimo di 12.500 abitanti, dentro ad uno sviluppo urbanistico armonico che garantisca la possibilità di creare zone abitative che non siano solo funzionali ma anche belle dove vivere. Di primaria importanza sarà l’impulso alla socialità, al vivere insieme, alla costruzione di una comunità. 

 

5. Necessario anche il perfezionamento del Piano delle Regole, mediante correzione di imprecisioni e, laddove possibile, ulteriore snellimento per una più semplice applicazione. A tale scopo si richiede il coinvolgimento dei professionisti organizzati nei rispettivi Ordini/Albi per raccogliere tutte le indicazioni utili a perfezionare l’impianto normativo del Piano.

 

6. Dovrà essere garantita un’espansione residenziale equilibrata e, il Piano dei Servizi, verrà rivisto secondo i seguenti criteri: garantire la necessaria essenzialità di servizi alla società civile, dimostrare la sostenibilità economica da parte dell’Ente. 

 

7. L’espansione industriale, artigianale, commerciale e logistica dovrà essere privilegiata rispetto a quella residenziale e dovrà essere favorita con tutti gli strumenti possibili per offrire più opportunità lavorative agli uboldesi. In tal senso occorrerà anche un lavoro sinergico col Comune di Origgio per rendere armoniche urbanisticamente le due zone industriali contermini (c.d. APEA prescritta dalla Provincia di Varese). Ulteriore elemento di attenzione la profonda analisi e verifica delle previsioni sugli ambiti strategici delle aree di cava. Individuazione di possibili zone commerciai. Gli Insediamenti esistenti devono aver diritto a un’espansione congrua ma devono essere scoraggiati se in zona mista residenziale – produttiva. 

 

8. Revisione dei meccanismi premiali nel Centro Storico e particolare attenzione: all’ambito compreso tra la Via San Martino - Piazza San Pietro e Vicolo Crivelli e all’ambito Cortile di Palazzo Crivelli - Asilo Colombo Morandi. Si dovranno individuare i criteri di incentivazione degli interventi di riqualificazione delle facciate e creazione degli spazi di socializzazione su tutto l’asse Municipio – Chiesa Parrocchiale. 

 

9. Incentivazione al recupero aree dismesse e aree improprie prevedendo, come per esempio per l’area ex-Mercantile, anche da parte del Comune l’acquisizione di aree per l’assolvimento di servizi pubblici. 

 

10. Uboldo ha nel suo patrimonio verde e boschivo la vera risorsa da proteggere e valorizzare per un rilancio in termini attrattivi del territorio. Diventa quindi fondamentale l’ente Parco dei Mughetti al quale servirà dare degli indirizzi chiari in termini di politiche e risorse per fare in modo che la fruizione di queste aree sia sempre più privilegiata. Oltre che a iniziare a pensare a percorsi di collegamento dal Centro al Parco dei Mughetti, intendiamo proporre anche la creazione di un percorso di “strade bianche” all’interno del Parco che possa rendere vivo il nostro ambiente, oltre che sostenere e incentivare chi vorrà investire sull’esistente, senza consumo di suolo, per rendere più attrattivo il nostro Parco.

 

11. Il PGT “rivisto” dovrà perseguire due obiettivi strategici importanti. Il primo è che dentro a un mondo in costante evoluzione sia sociale che economica questo strumento oltre a una necessaria flessibilità crei anche, a chi verrà dopo di noi, il bisogno di rivedere il Piano cercando di allinearlo ai tempi che saranno. E’ auspicabile in tal senso pensare a ulteriori revisioni intermedie di questo piano. Il secondo, questo Piano vuole amplificare l’apertura e il dialogo concreto con i Comuni contermini. E’ inevitabile, leggendo anche le nuove normative e gli indirizzi futuribili della Pubblica Amministrazione proposti dai vari Governi, pensare che in un non lontano futuro si parlerà di “comprensorio Saronnese”, più che di singole realtà territoriali, e quindi il nostro Piano vuole essere un inizio di riflessione e lettura di come potrà essere in futuro un Piano integrato d’insieme con gli altri Comuni del Saronnese. 

 

12. Da ultimo, non meno importante, particolare attenzione dovrà essere dedicata all’analisi dei “contributi e proposte” pervenuti a seguito della pubblicazione dell’apposito avviso, cui l’Amministrazione intende aderire qualora in linea con le disposizioni in materia e con gli obiettivi di Piano.

Lorenzo

leggi di più

Cittadinanza e informatore

Voglio ringraziare i tanti amici e cittadini che mi hanno fatto presente che quanto accaduto a Cairate tra Sindaco e una cittadina che doveva giurare per la cittadinanza ha un precedente che è quello che vi ho raccontato qualche settimana fa attraverso i giornali.
Non mi interessa avere il primato.

Mi interessa che il messaggio sia passato.
Magari il collega manco lo sapeva o magari lo aveva letto da qualche parte eha trovato la forza e il coraggio di fare lo stesso gesto. Ma non è questo che mi interessa. Anzi, ieri sera ho avuto il piacere di chattare con lui e devo dire che è una persona davvero in gamba con la quale ci siamo subito trovati in sintonia. 
Non è razzismo, questo.
Non è voglia di esibizionismo.
E' semplicemente rispetto per lo Stato che rappresentiamo. 
E da questa cosa non retrocedo nemmeno un centimetro.
L'ho fatto una volta e non è detto che non lo rifarò una seconda, una terza e tutte le volte che il mio essere in quel momento rappresentante dello Stato non mi richiederà di intervenire in tal senso. Avvocati o no. Moralizzatori o no.

In questi giorni è diffuso nelle vostre case l'informatore di febbraio.
Come sempre trovate tante notizie. Chiedo di prestare particolare attenzione alla vicenda dei "30 mesi" per coloro che hanno i terreni sbloccati con l'ultimo PGT. 
Come già anticipato sulla stampa nelle prossime settimane inviterò anche i proprietari in Comune per un incontro di confronto tra le parti.
Non è detto che, a margine di questi incontri fatti tra politica e cittadino, faremo un incontro anche per i tecnici che operano sul nostro territorio.
Lorenzo

leggi di più

AVVISO IMPORTANTE PER I PROFESSIONISTI

A seguito dell'approvazione definitiva del Regolamento per l'applicazione dei meccanismi di perequazione del PGT al fine di approfondire l'argomento è stato organizzato un incontro per tutti i tecnici che si terrà alle ore 11,00 di LUNEDI' 13 OTTOBRE presso la sala (adiacente la segreteria ) ubicata al primo piano del Municipio.

leggi di più 0 Commenti

Il recupero del Centro Storico: chi fa e chi dice di fare

Non solo imposte nell'ultimo Consiglio Comunale.

Abbiamo anche approvato gli incentivi per la riqualificazione del Centro Storico che si orientano principalmente su tre direttrici:

1. la riqualificazione energetica,

2. il recupero delle facciate,

3. l'integrazione di box all'interno della sagoma dell'edificio esistente.

 

Il centro storico è inteso l'asse che porta dalla Chiesa al Comune. Per chi interverrà su questa zona ci saranno degli incentivi in diritti edificatori che poi potranno essere messi sul mercato e quindi diventeranno un "buono" da riscuotere.

 

Abbiamo ricordato in Consiglio Comunale che il Comune NON PUO' sostituirsi al privato nel far partire gli interventi, ma può incentivarli. Quello che abbiamo fatto noi, che non vi sto a spiegare per non perdermi in troppi tecnicismi, è però una provocazione violenta del settore dell'edilizia: il Comune mette sul piatto tanti incentivi (quantificabili in più di 50.000 euro).

 

A questo punto chi ha "chiacchierato" dei suoi presunti interventi per anni, chi ha pontificato nei bar sull'ingiustizia del PGT di prima, chi ha predicato di sapere come risolvere tutti i problemi del centro storico dovrà dimostrare di avere davvero la forza e il coraggio di far ripartire l'edilizia. Perchè l'edilizia è un volano dell'economia e serve davvero che riparta soprattutto con le riqualificazioni dell'esistente. Il Comune i suoi passi li ha fatti e li ha fatti nell'unico modo possibile che ha il Comune di farli: gli atti. Ora tocca a voi.

Lorenzo

leggi di più 0 Commenti

Comunicazioni sul nuovo PGT

Con la pubblicazione sul BURL si chiude l'iter amministrativo che ci ha visto realizzare il nuovo Piano di Governo del Territorio. 

Le considerazioni politiche le abbiamo già fatte e le faremo vedendo il funzionamento in itinere di questo nuovo strumento. 

Mi piace però in questa sede ringraziare Angelo Leva e Fabio Cattaneo che per questo strumento, insieme ad altri amici e collaboratori, hanno speso davvero tantissime energie e impegno. 

leggi di più 0 Commenti

Il nuovo PGT è ufficialmente in vigore

leggi di più 0 Commenti

Abbiamo messo SOLDI nelle tasche degli uboldesi

In passato qualcuno ha accusato questa Amministrazione di "aver messo le mani nelle tasche degli uboldesi" dimenticandosi alcune cose: la situazione disastrosa di bilancio ereditata (7 milioni di debiti da saldare), la crisi globale e un Governo centrale che ha contribuito notevolmente a complicare le cose e lasciare ai Comuni l'applicazione di quanto deciso a Roma.

Ovviamente ci si dimentica, in questi casi, di dire che 5 milioni di debiti sono stati pagati (con questioni aperte dal 1985...), che la TARES non è stata applicata e che sono stati fatti su questo territorio più di 10 milioni di euro di opere in questi cinque anni.

Con l'approvazione però del nuovo Piano di Governo del Territorio avvenuta venerdì possiamo con orgoglio dire che questa volta "abbiamo messo SOLDI nelle tasche degli uboldesi".

leggi di più 0 Commenti

Oggi è un gran giorno per Uboldo

Oggi è un gran giorno per Uboldo.

Alle 2:42, dopo una maratona di quasi 9 ore abbiamo consegnato a Uboldo il nuovo Piano di Governo del Territorio.

 

Nei prossimi giorni ci sarà modo di parlarne, permettetemi stanotte di ringraziare tutti i miei amici: Marco, Ercole, Enrico, Matteo, Angelo, Fabio, Paola, Loredana, Max, Marcone e Giulio, i consiglieri comunali di Uboldo al Centro.

Quello di oggi è il momento più alto, politicamente parlando, perchè abbiamo disegnato l'Uboldo del futuro.

E' il punto più alto di un gruppo nato nel 2005 su un divano rosso, una sera di fine estate, con Ercole e Marco.

Grazie a tutta la squadra di Uboldo al Centro, ai consiglieri e ai sostenitori, a chi ne fa parte da poco e da tanto, a chi ne ha fatto parte e che ne è rimasto comunque amico, anche critico, ma sempre amico e sostenitore.

Abbiamo fatto Palestre, Parchi, Case, Strade, Opere.

E ora siamo arrivati al nostro Piano di Governo del Territorio: nella storia di Uboldo lasciamo un solco e una firma importante.

La nostra firma che, comunque vada, resterà.

 

In questo PGT c'è il cuore e la passione di queste persone, c'è un'idea di comunità, c'è un progetto, una visione, un credo comune.

In questo PGT c'è la voglia di guardare al futuro cercando di dare ottimismo, lavoro, stabilità alle nostre famiglie.

 

Credo che con questo lavoro abbiamo centrato completamente l'obiettivo che ci eravamo posti il giorno del giuramento, il 24 giugno 2009:

"Abbiamo un compito delicato: servire questo paese.
Ci guida l’idea che gli uomini passano ma il nostro paese resta, per noi ma soprattutto per i nostri figli che un domani erediteranno dalle nostre mani quanto noi sapremo costruire oggi. Costruiamolo cercando di dimostrare che per una volta, al centro delle istituzioni, ci sono persone che vivono la politica come vivono la famiglia, il desiderio, la vita sociale e la fede."

 

Con questo PGT possiamo veramente dire che sì, #ilmegliodeveancoravenire.

Lorenzo

leggi di più 2 Commenti

Approviamo il PGT! - Consiglio Comunale, 28 marzo ore 18.00

Venerdì 28 marzo dalle ore 18.00 scatta la lunga maratona in Consiglio Comunale per l'approvazione del nuovo Piano di Governo del Territorio.

Arriviamo in fondo a un lungo percorso che ci ha visto davvero impegnati tantissimo: tante giornate, serate e nottate di lavoro spese per cercare di dare agli uboldesi il miglior strumento urbanistico possibile.

Sicuramente ci saranno dei difetti e come tutte le cose sarà perfettibile, ma credo che il lavoro abbia pagato e lo dimostrano le osservazioni pervenute: escludendo quelle dei gruppi politici, poco più di 100 osservazioni, un terzo rispetto al vigente PGT.

La fatica fatta sono certo che ripagherà in futuro: ora avremo un PGT che risponde ai bisogni e alle richieste del nostro paese.

Lorenzo

leggi di più 0 Commenti

Progetto "Mano nella Mano": i risultati

Nei prossimi giorni lo leggerete anche su "Uboldo Informa" ma inizio ad anticiparlo qui. Lo scorso ottobre avevamo avviato il progetto "Mano nella Mano" dove abbiamo chiesto alla nostra cittadinanza qual era l'esigenza di case in edilizia convenzionata soprattutto per le famiglie già costituite o in via di costituzione.

Il risultato è che 28 coppie hanno risposto a questo sondaggio, segno che l'esigenza c'è e che bisognerà pensare a dar seguito a questo progetto.

Come anticipato vorremmo utilizzare la formula dell'affitto con riscatto in modo che il grande problema del mutuo che in questo periodo di crisi di lavoro molti potrebbero aver problemi ad ottenere, possa essere affrontato con un accompagnamento "mano nella mano" che passi prima da un AFFITTO CALMIERATO di 4 anni durante i quali una neo famiglia può anche stabilizzare la propria posizione lavorativa con la possibilità di riscatto al quarto anno e l'inizio quindi del mutuo vero e proprio.

leggi di più 2 Commenti

Ultime ore per le osservazioni al PGT

Ultime ore per le osservazioni al PGT adottato lo scorso novembre.
Venerdì 10 gennaio alle ore 13.00 scadranno i termini e da lì attenderemo il parere degli Enti. Una volta arrivati questi pareri saremo pronti per il Consiglio Comunale e quindi la definitiva approvazione del nuovo strumento urbanistico.

 

Riprenderemo poi nei prossimi giorni la lettura del PGT su questo sito.

 

Lorenzo

leggi di più 1 Commenti

« S'ils n'ont plus de pain, qu'ils mangent de la brioche »

Mentre la nostra gente ogni giorno bussa sempre più alla porta dei Servizi Sociali, i disoccupati crescono a vista d'occhio, la nostra edilizia è ferma, i giovani a Uboldo non trovano case, i genitori non possono alzarsi la casa per i figli e qualche nostro imprenditore sta guardando con occhio molto interessato altri luoghi dove investire, due movimenti politici uboldesi si dilettano in giri di valzer zuppi di scarso senso di realismo.

 

Da una parte la Lega Nord che butta negli occhi della gente bugie, addirittura andando contro se stessa sulla vicenda ex-Lazzaroni.

Dall'altra Uboldo Civica che si diletta nel solito giochino piagnucoloso del "lodicoioallamaestra" dentro a un concetto di Dredd-La-Legge-Sono-Io che arriva a diffidare un Consiglio Comunale per aver fatto il suo lavoro, ovvero deliberare. In sostanza, un attacco alla democrazia e alla libertà di espressione in piena regola.

leggi di più 0 Commenti

Scattano i 60 giorni per le osservazioni al PGT

Scattano oggi i 60 giorni per presentare le osservazioni al PGT attualmente adottato e che verrà approvato indicativamente a inizio febbraio.

La data di scadenza è il 10 gennaio 2014.

Invito tutti i cittadini a presentare le osservazioni.

Anche chi non è direttamente interessato con terreni, ma sarebbe interessante capire che suggerimenti intendono darci i cittadini riguardo all'Uboldo che verrà.

Per i tecnici stiamo predisponendo due giornate di laboratorio con gli estensori e l'ufficio tecnico comunale per fare in modo che poi "si parli la stessa lingua".

Nei prossimi giorni, per facilitare un po' anche le vostre osservazioni, presenterò il PGT cercando di farlo con le parole "di tutti i giorni".

 

Rammento i capisaldi: famiglia, lavoro, ambiente.

Da qui partiremo a illustrare il nuovo strumento urbanistico.

Lorenzo

leggi di più 0 Commenti

Caro il mio Luciano, ti racconto del PGT e dei "presunti puri"

In questi giorni ho pensato molto a come poter rispondere alle tante idiozie che ho letto e sentito sui giornali.

Dato che hanno scritto al Prefetto, alla Procura, al Telefono Azzurro, a Papa Francesco e all'ONU, io ho pensato così di scrivere una lettera a Luciano Ligabue.

D'altronde loro sono "lenti".

Mentre a volte nella politica serve un po' di "rock".

Lorenzo

 

Caro il mio Luciano,
               questa volta l’ “Avvelenata” l’ho consumata io proprio come te nella canzone "Caro il mio Francesco".


In questo silenzio dentro al quale volutamente mi sono chiuso ho avuto modo di fermarmi e rendermi conto che è vero, "il topo canta solo di quanto lui sia puro e poi da via la madre per stare sul giornale ed è talmente puro che ti lancia merda soltanto per un titolo più largo."
 
“Rispondere agli insulti è solo bassa promozione” ma davanti alla merda lanciata da certi “topi” soprattutto sui miei amici, gente onesta che attraverso questo impegno vuole servire in maniera disinteressata la propria comunità, non posso tacere.
E rispondo con i fatti.

leggi di più 0 Commenti

Riadottiamo il PGT

Questa settimana riadotteremo il PGT.

Chi lavora, si sa, sbaglia.

Nei duemila adempimenti da compiere all'interno dell'iter già complicato di approvazione del PGT il nostro Regolamento Comunale complica ulteriormente la vita a una cosa già complicata, richiedendo la maggioranza assoluta (cioè 9 anzichè 8 come i voti già ottenuti mercoledì scorso) per l'adozione del PGT.

 

Inoltre anche i nostri tecnici estensori del PGT ci avevano consigliato di riportare comunque l'atto in Consiglio per un approvazione documento per documento, come l'iter prevede in maniera più corretta.

 

Così, semplicemente, gli uffici hanno sbagliato.

Può capitare, non vien mica giù il mondo.

Come per altre delibere è bastato poi riadottare l'atto e non ci sono stati problemi. Certo, ci dispiace non averlo fatto subito, ma ripeto: chi lavora, può sbagliare.

 

Voglio lasciar tranquilli tutti: non c'è nessuna spaccatura nella maggioranza nè altre favole. Un semplice e banalissimo errore che unito al fatto che i Consiglieri (di maggioranza e minoranza) fino al IV grado di parentela non possono prendere parte nè alle votazioni nè alle discussioni ha combinato il pasticcio. Ma già in settimana rimedieremo.

 

Ironia della sorte ho vinto una cena io stavolta.

Avevo detto all'Architetto Zerbi: "scommetto una cena che toppate qualcosa nella procedura".

Risposta: "Ma vaaaaaaaaaaaa Sindaco, non c'è alcun problema".

Come volevasi dimostrare.

Potrei fare il mago.

 

Lorenzo

leggi di più 9 Commenti

E' la sera del PGT!

Stasera alle 20.30 in Aula Polifunzionale adottiamo il nuovo Piano di Governo del Territorio.

 

Tutti i cittadini sono invitati a venire perchè si presenta l'Uboldo che verrà, l'Uboldo del futuro.

Come ho già avuto modo di dire il pensiero è andato alle famiglie, all'ambiente e alla necessaria ripresa economica che si può attuare solo con una politica del "fare".

 

Il percorso è stato ampiamente partecipato: prima la richiesta di contributi, poi 3 assemblee pubbliche (novembre e dicembre 2012, febbraio 2013) e diverse conferenze dei servizi con gli enti interessati e tutte le parti sociali. E ora l'adozione.

 

Tutti i cittadini sono interessati e quindi invitati a venire.

 

Vi aspettiamo!

Lorenzo

leggi di più 0 Commenti

Mercoledì 30 ottobre ore 20.30, Consiglio Comunale di Adozione del nuovo PGT

Sono un po' emozionato nel dirvelo: mercoledì 30 ottobre alle 20.30 in Aula Polifunzionale ci sarà il Consiglio Comunale che adotterà il nuovo Piano di Governo del Territorio.

Arriviamo in fondo a un iter lunghissimo che ha fatto spendere mattine, pomeriggi, notti, ore e ore di discussione per cercare di dare il massimo ai nostri cittadini. E di questo non saprò mai come sdebitarmi per il loro prezioso e discreto lavoro con Angelo Leva e Fabio Cattaneo, le nostre due punte che hanno giocato davanti tutta la partita.

 

Qualcosa come 80 elaborati racchiusi in quasi 50 chili di carta: un'opera monumentale che racconta quale sarà l'Uboldo del domani, quale sarà lo sviluppo della nostra comunità.

 

Ho ritrovato, nel riassunto che sto facendo in questi giorni con Angelo e Fabio che pazientemente mi aiutano in una materia a me ostica, i tre capisaldi che ci eravamo dati: famiglia, ambiente e lavoro.

 

Poi sarà perfettibile perchè come potete immaginare trovare e scovare eventuali errori in un PGT è come cercare un ago in un pagliaio. Ma il più è fatto, la struttura portante c'è ed è ben solida. In seguito sarà solo un lavoro di fioretto.

 

Da qui intendiamo rilanciare Uboldo e far ripartire l'economia di questo paese e di questa comunità.

 

E' un PGT che secondo me si racchiude in un verbo: respirare.

Respira aria nuova, respira una nuova idea di comunità, respira il futuro che sarà, respira la sintesi di cinque anni incredibili, vissuti uno dietro l'altro con un'intensità e una passione che ci hanno portato a risultati impensabili.

 

Per me, e lo dico con un filo di emozione, è ciò che lascio alla mia comunità, è ciò che consegno al mio paese, è un po' come quando ti tolgono le rotelle dalla bici e ti dicono "ok, sai pedalare".

E' l'amore che questo gruppo di Uboldo al Centro ha messo in questi anni nell'amministrare questa comunità e che spero possa esserci anche in chi, questa stessa comunità sceglierà dopo di noi.

 

Uboldo, adesso finalmente potrai pedalare e respirare.

 

Lorenzo

leggi di più 0 Commenti

Stasera presentiamo il Piano di Governo del Territorio

Stasera alle 21.00 in Sala della Comunità presentiamo il nuovo Piano di Governo del Territorio.

La monumentale opera che ha richiesto 3 anni di lavoro praticamente arriva ora all'iter istituzionale che la porterà ad essere esecutiva nei prossimi mesi.

Abbiamo scelto di fare questa presentazione pubblica prima del Consiglio Comunale di adozione in nome della trasparenza e della partecipazione che abbiamo sempre voluto, in questi anni di Amministrazione, condividere con i nostri cittadini.

Stasera vedremo se Asterix e Obelix riusciranno a portare a termine le loro 12 fatiche che, al di là del costo economico, hanno richiesto uno sforzo e un impegno di tanto tempo speso (talvolta anche gratuitamente) da parte di tante persone che hanno lavorato attorno a questo PGT.

leggi di più 0 Commenti

26 settembre 2013: presentanzione del Piano di Governo del Territorio

Vi avevo anticipato ieri che oggi avrei dato un annuncio importante e sono un po' emozionato nello scrivere queste righe, ma finalmente possiamo dirlo: giovedì 26 settembre alle 21.00 in Sala della Comunità presentiamo il nuovo Piano di Governo del Territorio.

 

Un lavoro mastodontico, che ha richiesto quasi tre anni di lavoro tra preparazione, incarichi, affidamenti, burocrazie che veramente mi hanno fatto capire quanto l'Italia va male. Asterix ha fatto meno fatica a fare le sue 12 fatiche. Ma finalmente, vediamo la luce!

A presentarlo ci saranno l'Assessore all'Urbanistica, Angelo Leva e il Consigliere Fabio Cattaneo, il Responsabile dell'Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata, Claudio Zerbi, gli estensori del Piano, Giuseppe Barra e Fabrizio Ottolini e altri professionisti che hanno lavorato a questo piano.

Sono molto contento.

leggi di più 1 Commenti

Pago la cena ad Angelo (...ma sono contento!)

Mentre lavoravamo alla variantina del Piano delle Regole lo scorso autunno ad Angelo Leva, mio amico e Assessore all'Urbanistica, da profano di urbanistica quale sono gli dissi che non è che credevo molto che cambiare poche regole avrebbe creato chissà quale volano. Lui era di tutt'altra opinione così decidemmo di scommeterci sopra una cena.

A risultati tirati, gli devo pagare la cena. E mai come oggi sono contento di dover pagare una scommessa.

Al 30 giugno abbiamo raggiunto i soldi incassati in tutto l'anno 2012 e questo grazie alla Variantina delle Regole di cui Angelo ha avuto particolare merito nella sua insistenza e nel suo impegno. 

Come ho detto più volte la situazione che abbiamo trovato nel nostro Comune quando siamo arrivati nel 2009 era devastante da un punto di vista di bilancio. Non tanto per lo stato dell'arte, quanto perchè il nostro Comune non aveva un'economia: se fossimo stati un'azienda avremmo detto di essere sull'orlo del fallimento. 

leggi di più 0 Commenti